Quali sono le penalizzazioni che applica google?

google-penalizzazioniCome annunciato nel precedente post, approfondiamo la questione delle penalizzazioni di Google. Abbiamo visto che azioni che non rispettano appieno le regole del motore in questione può causare un arretramento delle posizioni nelle SERP.

Andiamo a vedere le penalizzazioni più comuni:

Over Optimization Penalty -950 (penalizzazione da sovraottimizzazione)

Risultato: Con questa penalizzazione il tuo sito finisce intorno agli ultimi 50 risultati mostrati da Google. In pratica intorno la 950° posizione.

Causa: Principalmente questa penalizzazione è dovuta a Keyword stuffing e testo nascosto nelle pagine. generalmente a tutte le operazioni di sovraottimizzazione.

Come recuperare: Qualche tempo fa dopo aver ripulito tutte le pagine del sito web Google ridava al sito la posizione in SERP precedente alla penalizzazione. Oggi invece, google, dopo aver ripulito il sito lo inserisce in “Purgatorio” a -50 per controllarlo e vedere che “si comporta bene” per un tempo sufficiente prima di ripristinargli la posizione corretta.

Penalizzazioni da -30 a -80

Risultato: Mentre prima ti portava direttamente a -30 oggi è diventata una penalizzazione che variano, in base alla gravita dell’azione svolta, di -10 in -10 fino a -80.

Causa: Dovrebbe essere dovuta a ancore dei link interni troppo ottimizzati e per eccesso di link concentrati nelle home page e nelle pagine di blog.

Come recuperare: Non è banale recuperare da questa penalizzazione, va innanzi tutto ripulito il sito. Anche se Google non assicura un ripristino dello stato per un po’ di tempo.

Eccesso di backlink

Risultato: Non si conosce bene l’entità della penalizzazione.

Causa: Ce ne sono di due tipi. 1)Eccesso di backlink da pagine interne del sito web verso la homepage. 2) backlink provenienti da risorse esterne al sito web tutti con anchor text identico e acquisiti troppo velocemente.

Considerazioni: Google, oggi, è in grado di accorgersi che di piccole variazioni sul anchor text. Quindi inserire: “hotel vienna” “hotel vienna bello” “hotel vienna economico”, potrebbe portare google a vederli come stesso anchor text e quindi rischiare una penalizzazione.

Come recuperare: Per la prima tipologia di causa bisogna sia strutturare il sito/blog bene e senza esagerare con i link alla homepage, per la seconda causa bisogna eliminare molti dei backlink, o come consigliamo noi di puntocomunicazione.com di variare gli anchor text.

Boilerplate

Risultato: Questa è una penalizzazione algoritmica che ha tempi di recupero quasi immediati (entro le 48 ore)

Causa: Succede quando ci sono elementi ripetuti e superflui tra le pagine web del sito oppure un eccesso di link ottimizzati nel footer, o anche testi duplicati tra le pagine.

Come recuperare: In questo caso è facile recuperare. Può bastare eliminare le ripetizioni in nelle pagine incriminate.

Enormi liste di voci nel menù verticale

Risultato: Questa è una penalizzazione -30/-80

Causa: Succede quando ci sono un numero enorme di link nel menù senza una logia ad albero ( tipo categorie, sottocategorie, ecc…).

Come recuperare: Organizzando o un menù in orizzontale, o inserendo una struttura a dalbeo meglio organizzata. La regola è che la struttura di navigazione di un sito web deve essere chiara e organizzata bene dal punto di vista logico e/o semantico.

Esistono altre penalizzazioni ma sono solamente voci tra SEO e ancora non testate adeguatamente. Quindi non verranno riportate in questo post.

Prossimamente scriverò un post dove è possibile leggere come comportarci quando il sito viene penalizzato o addirittura bannato.

Alla prossima

Un Commento a “Quali sono le penalizzazioni che applica google?”

Lascia un Commento

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo alla ricerca di soluzioni per la propria assicurazione auto. Un blog del genere può diventare il punto di riferimento per gli utenti che cercano.

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp