Il web designer Paul Ceglia rivendica la proprietà di Facebook!!

Chi è Paul Ceglia? E’, o meglio era, un web designer newyorkese non molto conosciuto che ha recentemente rivendicato la proprietà nientemeno che di Facebook.

Sembrerebbe che molto tempo fa Mark Zuckerberg e questo Paul Ceglia abbiano firmato il contratto per la progettazione di Facebook, il quale prevedeva alcuni benefit per Ceglia.

In cosa consistevano questi benefici? In sostanza Zuckerberg avrebbe dovuto dare a Ceglia per il re-styling del libro delle facce e la sua progettazione la cifra di 1000 dollari, con in più il 50% della società ed un 1% in aggiunta per ogni giorno di lavoro.

Dato che il lavoro è durato un mese e 4 giorni, Ceglia si è spinto a rivendicare la proprietà dell’84% delle azioni di Facebook, come da contratto. Naturalmente figuriamoci se Mark Zuckerberg esaudirà mai tale pretesa: per questo motivo Ceglia lo ha denunciato e presto i due si ritroveranno in tribunale a New York.

Ma il contratto in questione a quando risale? Come mai Zuckerberg ha garantito a Ceglia l’acquisizione di circa il 50% della società Facebook Inc.? Facciamo un passo indietro nel tempo: in effetti il famoso contratto risale ad alcuni anni fa (precisamente al 28 aprile del 2003), quando il libro delle facce valeva poco e niente rispetto al valore attuale (questo spiegherebbe la modica cifra di 1000 dollari per un re-design e per la messa a punto del sito).

Ad ogni modo, per il momento il giudice di New York Tomas Brown, che si sta occupando del caso, ha vietato a Zuckerberg con un ordine restrittivo provvisorio di fare trasferimenti di denaro o di beni con la società Facebook, nell’attesa di risolvere la faccenda.

Ceglia sostiene che il sito è di sua proprietà in quanto i contenuti del sito, che inizialmente erano posti sul nome a dominio “thefacebook.com”, sono stati successivamente trasferiti da Zuckerberg, senza riconoscere nulla a Ceglia, sul dominio Facebook.com, dando vita all’azienda Facebook Inc.

Insomma, un bel pastrocchio! Ma non è finita qui: il Wall Street Journal avrebbe rilevato alcuni elementi di incongruenza nella tesi accusatoria di Paul Ceglia, primo fra tutti la data del contratto, che è indubbiamente anomala rispetto a quella della registrazione dei domini del sito: thefacebook.com infatti non è stato registrato da Zuckerberg prima dell’inizio del 2004.

La situazione è ancor più ingarbugliata dal fatto che tra le altre cose Paul Ceglia sia anche nel mirino delle autorità giudiziarie americane: pare infatti che l’ormai noto web designer, proprietario di una società che si occupava di legno in pellet, abbia truffato nel 2009 tutti i suoi clienti.

Dopo l’ondata di proteste e insofferenza degli utenti verso la politica sulla privacy di Facebook, riuscirà Zuckerberg a superare anche quest’ennesima gatta da pelare?

Intanto l’opinione pubblica è divisa tra i pro e coloro che sono contro Paul Ceglia. Personalmente penso se questo Ceglia è stato già un truffatore in passato, e che se è vero che il lupo perde il pelo ma non il vizio, Zuckerberg non dovrebbe temer assolutamente nulla…

Insomma, concludo il post dicendo: ridate a Cesare ciò che è di Cesare. Voi che ne pensate?   

Lascia un Commento

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo alla ricerca di soluzioni per la propria assicurazione auto. Un blog del genere può diventare il punto di riferimento per gli utenti che cercano.

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp