Archivi per la categoria ‘1’

Animazione delle feste: un nuovo lavoro che si impone

Fare l’animazione alle feste non è un gioco né tanto meno un lavoro si seconda fascia. E’ un lavoro che richiede professionalità organizzazione, ma anche le attrezzature adatte.
C’è chi organizza l’animazione per feste sia di adulti che bambini, con grande professionalità e occupandosi in maniera professionale e dedicata a ciascuno dei propri numerosi clienti. I clienti infatti a queste agenzie richiedono ora l’animazione per la festa di compleanno di un bambino, ora l’animazione per la I comunione di uno dei pargoli, o l’animazione per un diciottesimo o per una festa di laurea, o l’animazione per un addio al celibato o per un addio al nubilato o proprio per il matrimonio. Leggi il resto di questo articolo »

Cartomanzia di qualità, ma a prezzi bassi

cartomanzia-online-tarocchiLa cartomanzia è una pratica ormai molto diffusa in tutto il mondo. Grazie al web, infatti, è possibile ricevere “assistenza” telefonica in modo rapido e più o meno economico. Ma a questo punto la domanda è lecita: è possibile avere consulti di qualità e a prezzi bassi?

In realtà sì: il web, infatti, offre numerose opportunità. Ma cos’è la cartomanzia, e come si “legge”?

Secondo alcune ricerche, la cartomanzia è nata nel lontano 1700. In sostanza si tratta di leggere una serie di carte, e di interpretare i segni o le allegorie su esse impresse. Leggi il resto di questo articolo »

Yahoo! acquista Tumblr per la cifra monstre di 1,1 miliardi di dollari. Finirà in un bagno di sangue come MySpace e Bebo?

Yahoo! ci riprova.
Il primo vero motore globale, prima di Google,  ha acquistato il Tumblr per 1,1 miliardi di dollari.

Una cifra enorme, la prima vera “scommessa”, perché di questo si tratta, di Marissa Mayer, l’amministratore delegato della casa di Sunnyvale in sella alla società da luglio 2012.

Funzionerà? Non possiamo saperlo. Fatto sta che gli 1,1 miliardi di dollari di Yahoo! per Tumblr rappresentano, ad oggi, la cifra più alta da anni sborsata per un social network, superiore addirittura al miliardo di dollari versati da Facebook per Instagram lo scorso anno.

Una operazione che conferma come sia ribollente il mondo dell’industria tecnologica, e di come i colossi facciano incetta, a suon di milioni, delle start-up più promettenti.

Il beneficiario dell’assegno è more solito a quelle latitudini un teen o quasi. David Karp ha 27 anni e ha fondato il social nel 2007. Dalla cessione incasserebbe circa 250 milioni di dollari. Una storia interessante quella di Karp. A 11 anni imparò da solo a codificare il linguaggio HTML, a 15 anni lasciò le scuole e continuò da solo e a casa la sua formazione, affinata e approfondita con un periodo trascorso in Giappone.

Va detto che Tumblr, nonostante l’acquisizione, resterà autonoma. Il sito di blog continuerà infatti a operare indipendentemente e David Karp ne resterà al comando. Leggi il resto di questo articolo »

Crazy Blind Date: appuntamenti veramente al buio in salsa web 2.0

Il mondo dei social ha cambiato il nostro modo di rapportarci con gli altri, questo è indubbio.

 

Anche il corteggiamento e il “rimorchio”, il pick-up, ne sono usciti radicalmente cambiati.

Meetic è uno di quei successi del web che tutti conoscono perché ha avuto il merito di uscire dal web ed entrare nelle case degli italiani sul ben più classico media rappresentato dalla tv.

 

Ogni giorno 7 coppie innamorano su Meetic, così, se ricordo bene, si sente nella pubblicità.

 

Ideale per chi ha bisogno di massimizzare il tempo a disposizione, molto comodo perché ci sono foto, e vengono suggeriti profili con una certa affinità.

Tutto molto bello, funzionale anche, ma per certi versi artefatto e asettico, non c’è brivido, si guarda il prodotto, lo si confronta (per fortuna non lo si compra?) e poi si passa al contatto. Leggi il resto di questo articolo »

Un software che scova le recensioni farlocche e false. Possibile? Certo che sì, l’ha inventato un italiano

Alzi la mano chi non ha comprato qualcosa o non ha scelto una location sull’onda di recensioni entusiastiche? Bene, assodato che le recensioni hanno una certa influenza sulle nostre scelte, andiamo avanti.

Esiste un modo per smascherare quelle palesemente false o, nel migliore dei casi, commissionate su misura?

Almeno un team di studiosi sta cercando un modo per farlo, perché la cosa ha un certo peso. Una recente ricerca interna della FIPE (Federazione Italiana Pubblici Esercizi) ha messo in evidenza che due terzi delle review su portali come Tripadvisor, Expedia e Booking sono farlocche.

Negli Usa è pratica abbastanza comune, esistono agenzie che offrono questo servizio, come SponsoredReviews, e la nuova frontiera consiste nel pagare “recensori” nelle Filippine o in India. Ognuno cerca di promuoversi come può; ma il discorso resta, esiste una procedura, possibilmente automatica, in grado di percepire il “sentiment” di una recensione?
Alla ricerca di una risposta c’è Franco Salvetti, un 46enne trentino che lavora negli Usa per Bing, con un passato in Google e Microsoft. Leggi il resto di questo articolo »

WiFi libero in Italia? Sì e no

Qualche giorno fa su Twitter rispondevo al Pd che vedeva nel turismo una risorsa (ma va?) che gli stranieri non vengono in Italia anche perché c’è scarsa penetrazione della Rete e, laddove c’è, la stessa è molto lenta e poi c’erano delle forti limitazioni imposte dalla Legge Pisanu, una cosa che per certi versi neanche negli Usa con il Patrioct Act.

Con la scusa della sicurezza si arrivava a vedere ogni persona in un Internet cafè  (in un bar, un ristorante, una pizzeria, etc) come un potenziale terrorista.

Ebbene, è stata accolta con grande giubilo la notizia, diffusa attraverso un comunicato stampa di FIPE-Confcommercio, di un WiFi libero ANCHE in Italia.
Ma è vera gloria? Le cose stanno davvero così? Nì.
In realtà non è cambiato poco o nulla, in quanto non c’è alcun provvedimento del Garante della Privacy.

La FIPE, con il comunicato stampa ha voluto mettere al corrente gli esercenti e gli utenti che forse c’è un accordo di massima con il Garante della Privacy, che infatti non ha smentito la notizia. Ma nemmeno pubblicato alcunché documento. Leggi il resto di questo articolo »

Mobile Commerce, l’Italia rappresenta un mercato interessante e in crescita

In qualche post precedente abbiamo parlato di commercio elettronico da dispositivi mobili, il cosiddetto mobile commerce, conosciuto anche come m-commerce e, in qualche forma più desueta, come mCommerce.

E abbiamo altresì che il Marketing classico non va bene, se non nei principi di base e generali, se applicato al mondo del web.

Ebbene, il web marketing tout court non va bene se applicato e se usato per comprare o vendere usando dispositivi mobile.

Per competere e vincere nel mobile occorre usare tecniche proprie del mobile web marketing, afferenti in qualche modo ma differenti dal “vecchio” web marketing.

Ma vale la pena approntare dei piani di marketing (mobile)? Tanto per iniziare, sì; vale sempre la pena avere un buon piano di marketing. Per il resto, ossia in soldoni, la cosa comincia a farsi interessante. Leggi il resto di questo articolo »

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo alla ricerca di soluzioni per la propria assicurazione auto. Un blog del genere può diventare il punto di riferimento per gli utenti che cercano.

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp