Archivi per la categoria ‘pubblicità’

Un post leggero sulla pubblicità sessista anche in politica

MODA FEMMINILE, SFILATA DI COSTUMI DA BAGNOLo spunto per questo post leggero leggero mi è arrivato da facebook, e da una foto postata da un mio amico laddove si poteva leggere We Want Renzi sul culo di tre giovani ragazze.

A livello politico ci sarebbe tanto da dire. Immaginate se una cosa del genere fosse venuta in mente a Berlusconi? Magari gli è venuta anche, ma non l’ha fatta; perlomeno non che io sappia. Dove sono adesso le movimentiste di Se non ora quando?

Ma lasciamo perdere la parte politica e concentriamoci sul perché delle pubblicità sessiste più in particolare, un fenomeno che non accenna a diminuire, anzi, e che solo qualche giorno fa è stato oggetto di un incontro istituzionale a Milano.

Un incontro atto a frenare gli stereotipi che sembrano inchiodare la donna al ruolo di oggetto, quando non giocattolo, sessuale. Leggi il resto di questo articolo »

Barilla vs Plasmon, la pubblicità comparativa sbarca nel baby food

Plasmon versus Barilla. Chi preferite? Sarà un giudice a dirimere la recente querelle tra le due big. Cos’è successo? E’ successo che la Plasmon ha lanciato una pubblicità.

Una pubblicità di tipo comparativa nella quale ha messo in evidenza un suo prodotto paragonandolo alle celebri macine del mulino bianco, che non sono uscite molto bene dal confronto.

Per la Plasmon, le macine sono biscotti per adulti in quanto “possono contenere livelli di pesticidi anche molto superiori ai limiti di legge”.

Barilla ha definito la propaganda “scorretta e ingannevole” perché fa “leva sulla emotività delle mamme”.

La Barilla ha replicato con una iniziativa pubblicitaria orientata a difendere i propri prodotti al grido “Le mamme italiane sanno quello che fanno”.

Sembra uno spot erotico, ma non lo è.

Ad ogni buon conto, il Tribunale di Milano ha disposto un provvedimento di urgenza contro la Plasmon intimando alla stessa la cessazione della pubblicità considerata “ingannevole” e “denigratoria”. Marc Bianchi, esperto di pubblicità, ha osservato che: “E’ da 15 anni che è possibile far pubblicità comparativa, ma di fatto in questo settore, e a questo livello, è la prima volta in Italia, al contrario di quanto accade invece nei Paesi anglosassoni”.

Per la verità qualche pubblicità comparativa è stata già usata in passato nel settore della telefonia.

Antonio Maria Cartolari, direttore delle relazioni esterne della Plasmon, è rimasto un po’ spiazzato: “Ho rotto un tabù. La nostra intenzione era di fare una pubblicità corretta e leale nei confronti dei nostri consumatori, nulla contro Barilla”. Leggi il resto di questo articolo »

Per Martini Luck is an attitude

No martini? No party! Alzi la mano chi non ha mai detto (ripetuto) la battuta di George Clooney.

E sono sicuro che i maschietti di una certa età, diciamo per completezza quelli che hanno 30 e più anni, ricorderanno anche una giovane Charlize Theron, con la gonna che si sfilacciava al ritmo, sinuoso ed ammiccante del suo ancheggiare.
Quel martini, quella bionda e quella camminata sono state il sogno bagnato di migliaia di adolescenti nei ruggenti anni ’90.

Ebbene, il management di Martini ha deciso, per la nuova campagna pubblicitaria di dare una decisa sterzata.

Niente più divi alla Clooney, alla Naomi Campbell o alla Charlize Theron.

Il prossimo testimonial sarà scelto con le modalità proprie del web 2.0.

Ed ecco svelato il perché mi sto occupando, su un blog dedicato al web marketing ed al posizionamento nei motori di ricerca di una scelta pubblicitaria, seppure di una grossa company.

L’identikit del nuovo testimonial? Maschio, tra i 25 ed i 30 anni, bello, giovane, precario, buon baciatore.

Pare infatti che il fortunato, oltre a portarsi a casa un discreto cachet del valore di 150 mila, più annessa pubblicità, si spupazzerà, pardon, bacerà delle giovani donne,  in numero di dieci e si sussurra, non troppo sottovoce, che avrà il privilegio di posare le sue lebbra su quelle, morbide e seriche, di Claudia Schiffer, altro sogno bagnato anni ’90 dei maschi di tutto il mondo.

Ho detto il fortunato non a caso. Leggi il resto di questo articolo »

I brand Martini e Ferrero sono stati premiati al Tribute Event Superbrands

Noi di Puntoblog di tanto in tanto ci occupiamo del brand, ossia del quid in più che differenzia un semplice marchio da uno, viceversa, epocale. Recentemente si è tenuto a Torino, nel prestigioso Golf Club Royal Park I Roveri, il Tribute Event Superbrands, un evento ed una rassegna che si è svolta dinanzi ad oltre 120 personalità tra giornalisti, esponenti delle istituzionali, imprenditori e manager tra i più autorevoli del mercato internazionale; nel corso della stessa rassegna è stato presentato la IV edizione del volume “Superbrands Consumer”, realizzato in edizione speciale in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia.
Ma, cosa molto più importante, sono stati consegnati gli Award ai brand che si sono distinti sul mercato per la loro eccellenza. La serata era, fondamentalmente, incentrata su questi temi e queste tematiche.
Ed allora vediamo un po’ quali brand sono stati premiati. Diciamo subito che trattasi di brand di assoluto livello e qualità.
Il premio d’eccellenza all’innovazione è stato conferito a Grand Soleil.
Poi due brand molto amati in Italia hanno ricevuto degli award molto importanti, sto palando della Mercedes, lo storico marchio delle due ruote ha avuto il premio d’eccellenza Leggi il resto di questo articolo »

Quanto costa una campagna di lead generation?

La campagna di lead generations è utile per ricevere richieste di preventivo da parte di persone o aziende che in un preciso momento stanno cercando proprio il prodotto/servizio pubblicizzato.

Una strategia tradizionale di lead generation è il telemarketing, ma ovviamente, in questo post parlerò delle strategie che si utilizzano sul web e dei loro costi.

La lead generation è utile a tutte le attività che per vendere hanno la necessità di un appuntamento (telefonico o di persona). Conviene a qualsiasi business che abbia un prodotto da vendere che rispecchi le seguenti caratteristiche:
A) Costo dai 300/400 fino a anche a centinaia di migliaia di euro.
B) Il prodotto/servizio da vendere è potenzialmente ad elevata fidelizzazione.

Vediamo  quali sono le possibili campagne di lead generation presenti sul web:

Leggi il resto di questo articolo »

Trovare clienti, le migliori strategie online!

Trovare nuovi clienti è fondamentale per la crescita di un’azienda, ma spesso, come insegna in maniera egregia Kotler, l’acquisizione di un nuovo cliente costa 3 volte in più rispetto alla fidelizzazione di un cliente già acquisito. Ma questo avviene anche per i contatti web? Costa così tanto anche per i clienti che arrivano da strategie online?

Fortunatamente online sono presenti alcune strategie che permettono l’acquisizione di nuovi clienti a costi più bessi e con una qualità del cliente migliore.

Ovviamente non è sufficiente avere un sito. Ma bisogna saper sfruttare al meglio le strategie di web marketing presenti online.

In questo post voglio presentare le strategie per acquisire nuovi clienti per quei servizi e prodotti dove non è consigliabile la vendita online.

Strategie come: Leggi il resto di questo articolo »

Il Web marketing e la pubblicità online non sono la stessa cosa.

Pensavo che il web non ci si sarebbe portato dietro l’eterno equivoco, presente nell’economia tradizionale, fatto da molte persone che confondono il marketing con la pubblicità, una campagna di marketing con una campagna pubblicitaria.

Purtroppo anche sul web sono tanti a pensare che una campagna di web marketing si riduca nell’acquistare pubblicità online.

Chi legge questo blog saprà già la differenza ma io, in questo post, voglio dare una mia visione della questione. Focalizzandomi, non tanto sulla teoria dei libri e dei corsi, ma sulla pratica delle campagna di web marketing.

Per capire bene le differenze voglio definire cos’è davvero una campagna di web marketing analizzando quali sono i fattori che permettono di strutturare una buona campagna di web marketing: Leggi il resto di questo articolo »

Quanto costa la pubblicità online?

Quanto costa la pubblicità online? mi chiedono spesso i miei clienti quando gli parlo della grande opportunità di promuovere la propria attività con costi contenuti, visite certe e ottima resa.

Purtroppo raramente si concentrano sulle opportunità della rete ma solo sul costo. Quando però riesco a far capire loro cosa possono ottenere e quando riesco a fargli acquistare un test di qualche mese, la maggioranza se ne innammora.

Del resto basta fare qualche piccolo confronto con la pubblicità tradizionale per capire che il futuro (qualcuno dice anche il presente) della pubblicità è online.

Lo so, anche tu che stai leggendo però vuoi sapere quanto costa la pubblicità online.

Allora facciamo due conti: Leggi il resto di questo articolo »

Quanto costa pubblicizzare un ecommerce?

La semplice realizzazione di un ecommerce non basta a vendere online e a riscuotere successo nella rete, bisogna necessariamente farlo conoscere.

Esistono sia strategie gratuite o a basso costo che strategie di pubblicità online dove è importante valtare l’investimento.

Ma ne vale davvero la pena. Infatti, in questo periodo, più di ogni altro nel passato, conviene aprire un ecommerce e vendere online.
Il numero delle persone che effettuano acquisti online crescono sensibilmente e anche il giro d’affari cresce enormemente, e questo trand è totalmente in controtendenza con l’economia e gli acquista tradizionali.

Vediamo, in pratica, comunque, quanto costa pubblicizzare un ecommerce:

Dividiamo la nostra ricerca in tre settori:
1) La pubblicità gratuita,
2) La pubblicità a pagamento,
3) Il posizionamento sui motori di ricerca Leggi il resto di questo articolo »

Pubblicità online per gli ecommerce. Le migliori 6

Dopo la realizzazione di un ecommerce è necessario assolutamente farlo conoscere alle persone che potrebbero essere interessate ad acquistare i prodotti e i servizi in venidta.

Qualche imprenditore, mi è capitato tra i miei clienti, pensa che sia sufficiente la realizzazione di un ecommerce per vendere online. Ovviamente il sito ecommerce è solo uno strumento, senza le visite di persone interessate non arriveranno per magia le vendite.

Per ottenere successo bisogna conquistare la fiducia dei propri clienti  e far si che una parte di essi acquisti regolarmente.

Ma facciamo un passo per volta, innnanzitutto vediamo quali sono le migliori pubblicità online per gli ecommerce:

Leggi il resto di questo articolo »

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo al risparmio, sempre molto ricercato in Italia. Un sito molto autorevole per questo argomento èNoirisparmiamo.com, sul quale è possibile trovare moltissime soluzioni per risparmiare sugli acquisti, su bollette, e su tanti beni e servizi di necessità.

Inoltre, un argomento particolare ma anche molto cercato per chi vuole fare un "affare" è quello delle Aste Giudiziarie. Se vuoi restare aggiornato e trovare tutte le aste giudiziarie d'Italia visita: Aste Giudiziarie

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp