La validazione W3C non serve per il posizionamento

w3cAnche se dico qualcosa controcorrente, infatti leggo tantissime risorse in rete che parlano e consigliano di validare il proprio sito secondo le regole del W3C perchè google da un vantaggio. Non esiste nessun legame tra il W3C e il posizionamento sui motori di ricerca, a patto che non ci siano degli errori che non permettano allo spider di compiere correttamente il proprio lavoro di raccolta informazioni.

Io, non avevo mai ottimizzato un sito fino a quando un cliente me lo ha chiesto esplicitamente nelle specifiche tecniche di un lavoro che dovevo consegnargli. Già sapevo che non era necessario per posizionare bene il sito, ma ho avuto la conferma sul fatto che una volta validato il codice non è cambiato nulle nelle SERP, neanche una posizioane. Poi ho fatto delle analisi più approfondite e ho notato che ai primi posti delle SERP raramente ci sono siti validati W3C.

PREVISIONI PER IL FUTURO: Non penso che nè Google nè gli altri motori ne terranno mai conto. Infatti validare un sito non è alla portata di tutti come si pensa. Oggi per inserire una pagina web o un sito in rete non bisogna essere nè programmatori nè web master, ma per validare un sito si. Google è più interessato a non descriminare, chiunque metta in rete un documento che lui percepisce utile agli utenti lui lo indicizza e se rispecchia le sue regole lo posiziona anche molto bene. Quindi non penso che cambieranno le cose.

CONSIGLIO: Io consiglio comunque, a chi ne ha la possibilità, di validare il proprio codice, senza spendere troppo in tempo e soldi. avere un codice validato, o almeno validato nella maggioranza delle parti, a volte coincide con una buona navigabilità del sito.

3 Commenti a “La validazione W3C non serve per il posizionamento”

  • Paki says:

    Non ho avuto tempo per leggere l’articolo, ma se è fedele al titolo credo proprio che sia una “notizia” falsa! 😛

  • admin says:

    Cambierò idea quando troverò in testa alle SERP siti validati W3C, fino ad allora penso che un codice pulito sia importante ma non determinante per il SEO

  • mauro says:

    Hai perfettamente ragione su tutto, le serp non cambiano con la validazione del sito. Il nocciolo della questione sta proprio nella tua precisazione:
    “… a patto che non ci siano degli errori che non permettano allo spider di compiere correttamente il proprio lavoro… “.
    E’ solo per questo motivo che è necessario validare un sito, spesso siamo in presenza di un banale errore e non ce ne accorgiamo, questo può influire sulle serp perchè lo spider potrebbe mal interpretare, o non interpretare proprio, una porzione di codice densa di parole chiave e tag importanti.

    Un saluto.

Lascia un Commento

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo al risparmio, sempre molto ricercato in Italia. Un sito molto autorevole per questo argomento èNoirisparmiamo.com, sul quale è possibile trovare moltissime soluzioni per risparmiare sugli acquisti, su bollette, e su tanti beni e servizi di necessità.

Inoltre, un argomento particolare ma anche molto cercato per chi vuole fare un "affare" è quello delle Aste Giudiziarie. Se vuoi restare aggiornato e trovare tutte le aste giudiziarie d'Italia visita: Aste Giudiziarie

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp