Come aumentare le visite del proprio sito attraverso i social media

Abbiamo già parlato in un altro post di come sfruttare i social media per posizionare il proprio sito. In quell’occasione abbiamo parlato del sito inglese Cmo.com e della guida al panorama dei social media che esso propone (Guide to the social media landscape).

Abbiamo visto nel dettaglio come i dieci social media esaminati possono aiutare nel posizionamento del proprio sito, assegnando un punteggio ad ognuno di loro (buono, okay e cattivo).

La guida di Cmo analizza i social media anche da altri punti di vista: la customer communication, la brand exposure e il traffico al proprio sito.

In questo post, riprendendo la guida di CMO.com, esaminiamo l’utilità dei social media dal punto di vista del traffico web.

Partiamo subito da Twitter: il sito di microblogging ottiene un punteggio medio. La promozione del proprio sito su Twitter per poter avere successo deve essere, secondo CMO, ponderata: non bisogna promuovere troppo il proprio sito al fine di non perdere “follower”, ma, al tempo stesso, bisogna promuoverlo abbastanza da poter ricevere l’attenzione degli user.

Anche Facebook ha un punteggio medio: il traffico ottenuto al proprio sito attraverso il social di Zuckerberg è discreto grazie ai pulsanti di condivisione, ma, dice la guida di Cmo, non vi aspettate un gran numero di visitatori unici usando Facebook.

Flickr ha, invece, un punteggio cattivo: anche se arrivano decine di migliaia di visite ad una foto che linka al nostro URL, il numero di click al sito che arrivano attraverso Flickr sono comunque tra i più bassi.

Anche LinkedIn ha un punteggio cattivo: è improbabile che il social porti un significativo traffico al sito, ma, dice la guida, non si sa mai che, di quelle poche visite, qualcuno non possa essere un potenziale cliente o un consumatore.

YouTube ha un punteggio medio: il traffico ottenuto attraverso questo social media è discreto. Il traffico web, infatti, lo hanno i video più popolari, ma non il sito che si vuole far visitare; anche se è possibile aggiungere un link nella descrizione del video, sarà comunque difficile avere un gran numero di visite attraverso questo strumento.

Nella filiera dei social media analizzati c’è anche Digg: il social news viene definito da CMO.com il “nonno dei picchi di traffico”, raggiungendo secondo la guida il punteggio massimo (buono).

Se si è attivi nella community di Digg infatti, o se si è in contatto con qualcuno che lo è, è possibile ricevere tantissime visite al proprio sito. Se il sito che si vuole spingere è aziendale, bisogna considerare l’idea di lanciare un blog con un dominio non commerciale per diventare un “leader di pensiero” su Digg.

In effetti CMO.com ci ha visto giusto: se i contenuti postati diventano popolari, il traffico di visite al proprio sito aumenterà vertiginosamente.

Anche StumbleUpon raggiunge il punteggio massimo: il sito permette ad una diversa gamma di persone di scoprire i tuoi contenuti e di condividere link con Twitter.

Per finire, Yahoo Buzz, Reddit e Delicious raggiungono tutti e tre un punteggio medio. Vediamo perché: su Yahoo Buzz, se si finisce nelle grazie dei moderatori, è possibile avere una chance di raggiungere grandi numeri di visitatori, ma, naturalmente, è necessario molto lavoro.

Per quanto riguarda Reddit, (che ha un punteggio medio) se sei bene inserito della community, allora i risultati dal punto di vista del traffico al sito potrebbero essere come quelli che si otterrebbero con Digg e Stumble Upon. Su Reddit però bisogna fare attenzione a non spingere troppo per ottenere voti dagli amici, perché si rischia di essere bannati (anche se non lavorare per niente in questa direzione vi porterà ugualmente a ritrovarvi con un pugno di mosche in mano).

Resta, infine, Delicious: anche il social bookmark raggiunge un punteggio medio in quanto bisogna inserire un gran numero di contenuti per ottenere un significativo numero di visitatori al proprio sito.

Ricapitolando, i siti che raggiungono il punteggio massimo per il traffico che sono in grado di portare al proprio sito sono i social news Digg e StumbleUpon.

Raggiungono, invece, un punteggio medio: Twitter, Facebook, YouTube, YahooBuzz, Reddit e Delicious. Su questi siti bisogna darsi da fare per raggiungere dei risultati dal punto di vista del traffico web: con i dovuti accorgimenti, e con un po’ di tempo a disposizione per lavorarci su, si possono anche raggiungere discreti risultati.

Tra i siti meno consigliati da usare per aumentare il proprio traffico web ci sono, infine, Flickr e LinkedIn.

3 Commenti a “Come aumentare le visite del proprio sito attraverso i social media”

Lascia un Commento

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo alla ricerca di soluzioni per la propria assicurazione auto. Un blog del genere può diventare il punto di riferimento per gli utenti che cercano.

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp