Quando il sito rovina la reputazione aziendale

Tutte le aziende vogliono essere online con un loro sito. Moltissime di queste hanno anche l’illusione che per il solo fatto di essere in rete riceveranno tantissimi contatti da persone targettizzate che muoiono dalla voglia di comprare i loro prodotti o servizi. Alcune di queste, poi, si affidano, per la realizzazione del proprio sito web, all’agenzia o al freelance che  li fa pagare di meno. Questa scelta, a volte, si rivela scellerata.

Prima, fino a qualche anno fa, avere un sito online brutto o poco funzionale al massimo non permetteva di creare contatti o vendite. Oggi avere un sito che non rispecchia alcuni parametri di qualità significa minare la reputazione di un’azienda.

Purtroppo, e chi realizza siti come la Puntocomunicazione lo sa bene, la maggioranza dei committenti pensa che il parametro qualitativo sia solo estetico, e per peggiorare la situzione, pensa anche che il suo giudizio soggettivo sia oggettivamente la verità su quello che vogliono i propri clienti e che piaccia necessariamente a tutti. Vi assicuro che spesso ci capita di confrontarci con realtà cieche!

Quindi, quando si realizza un sito web, bisogna necessariamente che vengano soddisfatti alcuni parametri qualitativi, in modo da migliorare la reputazione dell’azienda e non rovinarla. Ad esempio è necessario che il sito:

  1. Abbia una bella struttura estetica, ma che non sia piena di animazioni che distraggono o infastidiscono l’utente. Assolutamente da evitare i siti interamente realizzati in flash.
  2. Sia curato nell’immagine e nei messaggi.
  3. Sia posizionabile sui motori di ricerca.
  4. Sia scritto in maniera impeccabile e che rispecchi le aspettative della propria utenza.
  5. Sia chiaro e diretto e permetta agli utenti di trovare con pochi clik tutte le informaizoni che cercano.
  6. Sia famoso sulla rete. Sia dal punto di vista dei BL sia dal punto di vista di redazionali, articoli su blog, giornali e su portali di rassegna stampa
  7. Permetta interazione con la propria utenza.
  8. Sia dinamico. Aggiornare il sito è fondamentale.
  9. Non sia realizzato con un CMS. Generalmente sono pesanti, lenti e poco personalizzabili. Anche se economici. 
  10. Sia visitato e conosciuto in rete.

Realizzare un sito che soddisfi queste caratteristiche non è da tutte le agenzie web. Attenzione a fare una scelta solo al risparmio, a volte ( quasi sempre) si rischia di fare la spesa 2 volte.

Lascia un Commento

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo alla ricerca di soluzioni per la propria assicurazione auto. Un blog del genere può diventare il punto di riferimento per gli utenti che cercano.

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp