Link building. Link nei commenti non passano PR ma il trustrank?

Ormai sono molti anni che nei blog e nei siti dove è possibile commentare, per dafault, i link in uscita hanno il tag “nofollow” che indica al crowler del motore di ricerca di non indicizzare la pagina di atterraggio. E quindi non è utile né come strategia di link building né per migliorare il posizionamento organico sui motori di ricerca.

Ma è tutto vero? è totalmente inutile inserire i commenti con un link ad una propria risorsa? Non passa PR ma passa il trustrank?

Queste domande sono all’ordine del giorno nelle discussioni SEO di tutto il mondo.
Il tag “nofollow”, viene usato, secondo me, dalla maggioranza dei blogger solo per non essere subissati da commenti fatti solo per il link building, ma il motore di ricerca davvero non è interessato a indicizzare le pagine linkate?

Davvero non è interessato a capire il collegamento, testuale e tematico, tra le due pagine web?

Diamo una risposta a questi quesiti:

  • Il PageRank. Sicuramente i link nei commenti non passano PR, ma ormai quasi tutti i SEO del mondo concordano nel dire che il PR non è più un valore troppo importante, alcuni dicono che non serve più a niente.
  • Indicizzazione. Questo argomento crea molti dubbi. I link nei commenti aiutano comunque ad indicizzare la risorsa che riceve il link. Anche se è presente il tag “nofollow”. Molto probabilmente, però,  indicizza solamente, cioè comunica, al motore di ricerca, l’esistenza della pagina linkata senza dargli nessun valore aggiuntivo.
  • TrustRank. Questo è il vero punto della situazione, passa o non passa trustrank? Non esistono, almeno che conosco io, test in ambiente neutro, che dimostrano i benefici dei link nei commenti, con il tag nofollow. Secondo me un po’ di trustrank lo passano, non quanto i link normali nelle pagine, ma qualcosa fanno.
  • Link building. Allora serve o non serve commentare su molti blog/siti del proprio settore? 
    Secondo me è utile commentare su altri siti o blog del proprio settore per varie ragioni. Innanzitutto farsi conoscere è fondamentale sul web, inoltre farsi conoscere alle persona che già navigano su blog del nostro target è ancora meglio. Per il posizionamento, penso che Google, prende nel link in questione sia l’anchor text sia il tema della pagina dove è presente il link. Non gli dà lo stesso valore dei link nel corpo del post, ma un piccolo valore passa. Ovviamente se BigG trova molti link alla stessa pagina o nè considera uno solo o se lo vede come tecnica spam lo lo considera proprio.

In conclusione: Commentare i post di altri blog o forum del proprio settore è importante e potrebbe essere utilie anche al posizionamento. Non sono link che hanno lo stesso valore di quelli normali all’interno di una testo, ma qualche valore lo hanno. Inutile se non dannoso inserire moltissimi commenti e moltissimi link perchè potrebbe insospettire BigG e soprattutto potrebbe annullare il beneficio di qualche link ben messo, anche nei commenti dove è presente il “nofollow”

Lascia un Commento

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo al risparmio, sempre molto ricercato in Italia. Un sito molto autorevole per questo argomento èNoirisparmiamo.com, sul quale è possibile trovare moltissime soluzioni per risparmiare sugli acquisti, su bollette, e su tanti beni e servizi di necessità.

Inoltre, un argomento particolare ma anche molto cercato per chi vuole fare un "affare" è quello delle Aste Giudiziarie. Se vuoi restare aggiornato e trovare tutte le aste giudiziarie d'Italia visita: Aste Giudiziarie

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp