Quanto costa la pubblicità online?

Quanto costa la pubblicità online? mi chiedono spesso i miei clienti quando gli parlo della grande opportunità di promuovere la propria attività con costi contenuti, visite certe e ottima resa.

Purtroppo raramente si concentrano sulle opportunità della rete ma solo sul costo. Quando però riesco a far capire loro cosa possono ottenere e quando riesco a fargli acquistare un test di qualche mese, la maggioranza se ne innammora.

Del resto basta fare qualche piccolo confronto con la pubblicità tradizionale per capire che il futuro (qualcuno dice anche il presente) della pubblicità è online.

Lo so, anche tu che stai leggendo però vuoi sapere quanto costa la pubblicità online.

Allora facciamo due conti:

Come faccio spesso nei miei post anche questa volta consideriamo le diverse pubblicità online e cerco di dare dei valori il più possibile vicini alla realtà.

  • Adwords.
    Anche se non è una vera e propria categoria e andrebbe inserita tra le pubblicità Pay per click, Adwords merita uno spazio tutto per se per quanto è diventato famoso in Italia e nel Mondo.
    Come tutti sanno Adwords è il servizio di Google che permette di acquistare una pubblicità tra le ricerche del motore. Si paga per click.
    Quanto costa? Un click può andare da pochi centesimi a qualche euro. Anche non essendo la pubblicità più economica riscuote un enorme successo perchè è il miglior modo per far conoscere la propria realtà alle persone che stanno cercando proprio quei prodotti. Insomma alle persone ideali.
  • Pay per clik.
    Il pay per clik è la forma di pubblicità, banner o testuale, che viene pagata solo quando viene effettuata una visita. Il costo dipende da alcuni fattori come:
    A) La tematicità;
    B) L’importanza del sito;
    C) Il livello di concorrenza;
    D) La piattaforma che vende questa pubblicità online;
    Il costo può andare dai pochi centesimi a click ( 0,05€) fino a qualche euro ( raramente supera un euro).
    Anche se generalmente è più economica di adwords (soprattutto per categorie molto concorrenziali) ha una resa  molto più bassa.
  • Banner.
    Questa tipologia di pubblicità online, la più antica, sta incontrando un po’ di difficoltà. 10 anni fa veniva venduta a prezzi alti e pagata in pay per impression, cioè vendivano pagate le visualizzazioni. Oggi, si è riscontrato un calo sostanziale della resa e quindi viene pagata anche in maniera diversa tipo pay per click o pay per lead o finanche pay per sale.
    Quando si paga in pay per impression ( generalmente sui siti che fanno milioni di impression al mese) il costo per 1000 impression può andare tra i 0,20€ fino a 3,00-4,00 €. 
  • DEM.
    Le DEM sono gli invii di email ad una lista che ha dato il permesso di ricevere informazioni commerciali. Generalmente vengono acquistate solo DEM su liste che contano almeno 20.000 email. In genere succede che un sito che ha una community numerosa cerca di monetizzare il numero dei suoi utenti registrati inviando insieme alle informazioni del sito che uno spazio pubblicitario.
    Il costo delle DEM possono andare, quando vengono vendute ad invio, tra i 3,00€ e i 15,00€ per ogni 1000 invii andati a buon fine.
    Ora però molte DEM vengono pagate a lead cioè vengono pagate solo le azioni effettuate ( registrazioni o compilazioni di un form)
  • Pop-up e pop-under.
    Questa forma di pubblicità che da fastidio a molti utenti perchè giudicata molto invasiva, per un periodo di tempo ha dato dei risultati sorprendenti. Ultimamente, solo grandi siti possono permettersi di utilizzarla perchè allontana l’utenza. Quindi se si possiede un sito con utenti tanto affezionati da superare l’ostacolo della pubblicità in pop-under allora va bene altrimenti potrebbe non convenire.
    Generamente viene pagata ad impression o a lead.
    Il costi di questa pubblicità online ad impression è molto basso ma anche la sua resa lo è.
  • Affiliazioni.
    Questa pubblictà online meriterebbe un post o una vera e propria categoria. Si può parlare tantissimo delle affiliazioni. In questo post voglio sottolineare che alle aziende che vogliono promuoversi attraverso un programma di affiliazione convine rivolgersi ad un circuito come tradedouble, edintorni, sprintrade, ecc… I costi sono di due tipi:
    A) Lo strat-up; ( la creazione della campagan pubblicitaria)
    B) La campagan vera e propria che può essere pagata a click a lead o per vendite.
  • Pay per lead.
    Questa tipologia di pubblicità online, è tra le più diffuse oggi nei programmi di affiliazione. Si paga solo quando il visitatore compie l’azione specifica per la quale è stata fatta la pubblicità che sia una registrazione sia che sia la compilazione di un form.
    Il costo del pay per lead può andare da 0,20€ fino anche a 20,00€. Dipende dai settori e da quanto è difficile o ambita l’azione pubblicizzata.
  • Pay per sale.
    Questa forma di pubblicità online, fatta per promuovere ecommerce, era molto in voga qualche anno fa. Oggi sempre meno strutture di affiliazione o siti accettano questa forma di pubblicità. Tutti vogliono avere pubblicità sul proprio sito che portano risultato sicuri o quanto meno prevedibili.
    Comunque il costo di una pubblicità in pay per sale ( viene generalmente calcolata in % ) va da un 5% fino anche al 50%. Purtroppo le tipologie di prodotti promossi in questo modo sono così tanti che risulta molto complicato dare dei numeri più precisi.

Andrebbero fatte delle precisaizoni sul costo della pubblicità online. Infatti andrebbe scritta anche della pubblicità online sui social network in testa facebook.

Inoltre bisognerà parlare delle pubblicità sulle App e delle pubblicità sui social network geolocalizzati.

Il mercato delle pubblicità online è in continua evoluzione e quindi questo post potrebbe non essere attuale fra poco meno di un anno. L’evoluzione andrà sempre verso la ricerca della pubblicità che permette una eccellente resa a costi contenuti o perlomeno accettabili.

Lascia un Commento

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo alla ricerca di soluzioni per la propria assicurazione auto. Un blog del genere può diventare il punto di riferimento per gli utenti che cercano.

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp