Archivio di gennaio 2013

Ottimizzare la velocità del proprio sito web

server dedicatoEsistono numerosi fattori che ci permettono di fare in modo che le prestazioni di un sito web siano migliori. La strategia che consente di  ottenere performance migliori è essenzialmente una, ed è la scelta dell’hardware.

E’ naturale che migliorando il potenziale hardware della macchina sulla quale si appoggia il sito possiamo ottenere risultati maggiormente performanti anche riguardo la fluidità dello scorrimento delle pagine Web. Questo ovviamente è possibile per chi ha acceso diretto alle macchine come le grandi aziende che hanno un proprio server, sia esso collocato direttamente in locali aziendali, oppure ospitato in un hosting dedicato. Leggi il resto di questo articolo »

I politici, i social e il popolo del web

La campagna elettorale sta entrando nel vivo, l’attesa cresce e si autoalimenta come un segnale persistente.

Di sicuro negli ultimi anni è cambiato eccome il modo di comunicare dei politici. Andreotti e quelli del suo tempo avevano il gusto per la parola, per la citazione colta.

I politici attuali ogni tanto fanno (cercano) di fare lo stesso, ma quando si tratta di usare parole o locuzioni latine o inglesi si assiste quasi sempre alla celeberrima frittata.

Con parole latine che acquistano un accento british e parole inglesi che vengono pronunciate all’italiana.

Va ancora peggio quando con il latino si usano le desinenze come vengono vengono. Ma lasciamo stare queste cose. Obama, ma Zapatero prima di lui, hanno dimostrato che il web e i social possono fare la differenza in una campagna lettorale. Leggi il resto di questo articolo »

b com, il primo business matching in Italia. Le PMI sarebebro “obbligate” a partecipare

Ormai anche le pietre hanno capito  (perlomeno lo si spera) che le PMI sono i soggetti che maggiormente possono trarre vantaggio dal mondo e dalla promozione sul web.

I grandi marchi sono già riconosciuti e ben riconoscibili; tante PMI invece, pur facendo delle cose ottime ed egregie, non sono ancora ben conosciute perché non si son potute permettere, sinora, grossi budget di spesa.

Viceversa, l’investimento, usando il web come canale,  è molto ridotto e nondimeno esistono delle regole capaci di misurare il ROI su questo tipo di investimento.

Ma soprattutto, usando bene il web, le PMI possono entrare nelle case di tutti gli italiani che hanno una connessione a Internet.
Un vantaggio non da poco, non trovate?

Proprio al fine di promuovere queste attività, si terrà a Torino, il 18 e il 19 Aprile prossimi, il primo business matching in Italia: b com in sigla. Un evento completamente dedicato al web marketing e al mondo dell’e-commerce. La kermesse è organizzata da GL Events, che si gioverà per l’occasione della collaborazione con la CNA (Confederazione Nazionale Artigianato) per le PMI della Provincia di Torino e della Regione Piemonte. Leggi il resto di questo articolo »

Habemus web guru: Stefano Quintarelli candidato al Parlamento con Mario Monti

Monti ha cominciato a twittare da poco; in compenso è stato il più veloce ad arruolare, nelle liste da presentare, un esperto del web.

Probabile che anche le altre compagini politiche in corsa seguano l’esempio del prof, dopotutto anche i politici si marcano eccome tra di loro.

Pertanto, a breve mi aspetto, un esperto del web candidato con il Cavaliere; se c’è qualcuno nel Pd faccio ammenda, perché non ne vedo.

Magari c’è, ma non lo conosco io, per semplice e pura ignoranza.

Ad ogni modo, l’ex premier e rettore della Bocconi si sta dimostrando molto agile e molto smart, per dirla all’americana.

Basti pensare anche alla scelta di candidare Alessio De Giorgi, il direttore di Gay.it. Chissà che ne penseranno i porporati; ad ogni modo una mossa spiazzante e che non mancherà di far parlare.

Ma, vivaddio, un passo verso i diritti civili. Certo, poi bisogna vedere cosa ne verrà fuori, ma per adesso le cose stanno così. Leggi il resto di questo articolo »

Firma la petizione con Democrazia 2.0. Per una campagna elettorale trasparente ed una legislatura aperta alla Rete.

Entro due mesi il Paese Italia avrà un altro premier e un nuovo Parlamento; più in là un nuovo Presidente della Repubblica.

Non pochi analisti, già 4 anni fa, indicarono in un uso più aperto e smart di Internet e dei social, una delle chiavi di volta per la prima affermazione di un nero nella corsa alla Casa Bianca.

A ben vedere cosa è successo su Twitter e Facebook anche nel 2012, e tenendo conto del più esiguo distacco in termini percentuali, possiamo dire che i social hanno aiutato Obama più adesso che non nel 2008.

E l’Italia? C’è scetticismo verso la Rete, paura anche che questa memoria e conoscenza condivisa e immanente possa in qualche modo infangare il politico di turno o stemperarne in candore di candidato. Il politico standard italiano usa i social per i messaggi solo in campagna elettorale, poi stop. E guai a contraddirlo.

La sua è sempre una comunicazione dal pulpito più che una proficua interazione. E non sono mancati in questi anni i tentativi di imbavagliare blog et similia, a volte con risultati grotteschi, perché i server “incriminati” stavano in cima al mondo e così via. Leggi il resto di questo articolo »

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo alla ricerca di soluzioni per la propria assicurazione auto. Un blog del genere può diventare il punto di riferimento per gli utenti che cercano.

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp