Archivi per la categoria ‘soldi’

Calcola mutuo, come cambia il preventivo sulla base dell’identikit del cliente

Una simulazione che calcola mutuo e rata online in pochi click è oggi uno strumento molto importante e pratico per essere sicuri di scegliere il finanziamento più adatto alle proprie esigenze.

Un mutuo infatti è senza dubbio un impegno a lungo termine, se non per la vita: fare la scelta sbagliata è un passo che non ci si può permettere e che può costare caro. Per fortuna oggi, grazie ai comparatori di preventivi mutui online, questo rischio è  ridotto al minimo.

L’importo della rata dipende da tanti fattori: la durata del mutuo e il capitale richiesto, il tasso e le condizioni applicate dalla banca e, non da ultimo, l’identikit del cliente, ovvero le garanzie che quest’ultimo è in grado di offrire.

Calcola mutuo: come cambia il preventivo sulla base dell’identikit del cliente

Nel momento in cui ci si rivolge ad un istituto bancario o si consulta un sito online che calcola il mutuo, si otterrà un primo preventivo basato su: durata e ammontare del finanziamento; tasso di interesse (fisso o variabile) etc.

Nel momento in cui il comparatore online calcola il mutuo, per ottenere un preventivo su misura che sia il più personalizzato e affidabile possibile, richiederà all’utente alcuni dati per completare la richiesta.

Sulla base dell’identikit del cliente, la rata finale del preventivo può variare in rapporto all’età ad esempio ma anche al contratto di lavoro. Per i giovani esistono i mutui 100% che permettono di acquistare casa anche a chi non ha liquidità iniziale per l’investimento. Un’altra tipologia di finanziamento molto gettonata dai giovani è quella dei mutui solo interessi: optando per questa formula il cliente per i primi 10 anni pagherà solo gli interessi con una rata del mutuo molto bassa, solo in un secondo momento inizierà a pagare l’ammontare reale del mutuo.

Se il cliente non ha un contratto di lavoro a tempo indeterminato potrà richiedere un mutuo a fronte di altre garanzie, immobiliari o personali (garante).

Microsoft acquista Skype per 8,5 miliardi di dollari

microsoft acquista skypeMicrosoft, con una cifra da capogiro bel 8,5 miliardi di dollari, ha acquistato skype, il famosissimo sistema di telefonate online attraverso Voip.

Nella trattativa è riuscito a soffiare l’affare a colossi quali Google e Facebook. Infatti, negli ultimi tempi, leggevo su blog e siti del settore che oltre a Google anche il social network n°1 voleva mettere le mani su Skype per poter controllare un’altra parte della comunicazione online, quella telefonica.

Quasi tutti gli analisti, comunque, hanno valutato questa cifra esagerata e fuori mercato. Infatti qualche settimana fa si pensava che la trattativa si basasse su cifre di circa 3-4 miliardi di dollari e che sia Google che Facebook avevano fatto una loro offerta in linea con queste cifre.

Invece il colosso di Bill Gates ha pagato skype 8 miliardi e altri e 500 milioni sono serviti a coprire i debiti dell’azienda.

Ma perché Microsoft valuta così importante strategicamente l’acquisto di skype tanto da acquistarlo ad una cifra doppia rispetto alle altre trattative?

Leggi il resto di questo articolo »

Quanto Fattura Groupon?

grouponGroupon, non c’è che dire, è uno dei più riusciti fenomeni commerciali del momento. Senza entrare nel merito delle questioni che stanno nascendo su quanto convenga davvero alle aziende, sicuramente fattura cifre da perder la testa e il giro di affari sta arrivando in tutto il mondo.

Come penso già sai Gruopon è il sito più importante del settore dei gruppi di acquisto. Funziona semplicemente in questo modo: Le aziende propongono un loro prodotto o un loro servizio ad un prezzo scontato almeno del 50% se si raggiunge un numero minimo di acquirenti in un lasso di tempo definito.

Goupon prende l’acquisto e lo passa all’azienda trattenendo una percentuale come commissione ( ben il 50% sull’incassato).

Insomma, con la moda dei gruppi di acquisto Grupon è esploso.

Ma quanto fattura un colosso del genere? Leggi il resto di questo articolo »

Facebook ha reso straricche varie persone e non solo Zuckerberg!

Il mitico social network che ha rivoluzionato il modo di intendere le comunicazioni sul web ha reso miliardario non solo Mark Zuckerberg, contestato e geniale fondatore, ma anche alcune persone che in momenti diversi hanno fatto parte del progetto.

Infatti nell’annuale classifica degli uomini più ricchi del mondo sono spuntati nell’ultimo anno ben 6 miliardari legati a Facebook.

Il primo in lista, ovviamente, è il fondatore Mark Zuckerberg al 52° posto con ben 13,5 miliardi di dollari. Inimmaginabile risultato per un ragazzo che soli 6-7 anni fa era uno sconosciuto che ha realizzato un sito per far votare le ragazza più belle.

Segue al 420° posto con bel 2,7 miliardi di dollari Dustin Moskovitz co-fondatore del social.

Al 872° posto troviamo con 1,6 miliardi di dollari Sean Parker famoso per essere stato il fondatore di Napster il più importante portale di Peer to Peer della storia del web, soprattutto perchè è stato il primo a livello mondiale dando una spallata dolorosa alle case discografiche di tutto il mondo.

A pari merito al 872° posto troviamo con 1,6 miliardi di dollari Eduardo Severin, ex socio ed amico del cuore di Mark Zuckerberg. Dopo una lunga causa l’estromissione da facebook ( qualcuno dice con inganno) gli è valsa la fortuna di 1,6 miliardi di dollari.

Poi troviamo i vari finanziatori come Peter Thiel o il magnate russo Yuri Milner.

Come richiedere un mutuo online: la procedura.

Per chi è in procinto di acquistare casa e ha bisogno di un finanziamento, i mutui sono sicuramente la soluzione più adatta. Gli istituti offrono piani mutuo per ogni esigenza e capacità di spesa: negli ultimi anni, anche grazie ad un andamento particolarmente positivo degli indici, i mutui a tasso variabile hanno registrato un vero e proprio boom di erogazioni. In questo caso la rata mensile di rimborso è legata all’indice euribor e può variare nel corso del piano di ammortamento. Una soluzione flessibile e, in questo periodo, particolarmente conveniente, che però risente notevolmente dell’andamento dei mercati.

Per quanti sono orientati, invece, ad una formula più stabile, i mutui a tasso fisso rappresentano l’alternativa più ricercata: una rata fissa per l’intera durata del piano di rimborso che garantisce una migliore pianificazione delle spese e la certezza di un importo costante. In questo caso non sarà possibile beneficiare, invece, di eventuali andamenti positivi degli indici durante il corso del rimborso del debito. Esistono inoltre anche formule a tasso misto, con Cap, a rata costante, ad esempio, che vanno considerate con molta attenzione e possono variare notevolmente a seconda dell’istituto erogante.

Leggi il resto di questo articolo »

L’oro sale ma per quanto tempo ancora?

Ormai da moltissimi anni, con solo qualche battuta d’arresto, il valore dell’oro è sempre salito. Chi negli anni 80′ ha acquistato i lingottini d’oro, vede il suo capitale oggi nel 2010 ingrandito vertiginosamente.

Quanto è vera questa affermazione? Ma per quanto tempo l’oro salirà? e potrà mai perdere il suo valore?

Oggi moltissime aziende hanno un forte interesse a dimostrare che il metallo prezioso per eccellenza è sempre in crescita. Infatti, queste aziende stanno installando, nelle città italiane, dei distributori di Oro. Quindi è fondamentale che le persone pensino che possa solo aumentare.

In questi giorni l’oro è al disopra dei 1300 dollari l’oncia ( viaggiando spesso intorno ai 1400)

Purtroppo pochi ricordano, ed è successo 2 anni fa appena, che il prezzo dell’oro nel 2008 crollò fino al di sotto dei 900 dollari l’oncia.

Quindi come mercato non vi è nessuna certezza sul fatto che il prezzo dell’oro sia sempre in crescita. Come ogni investimento va fatto con cognizione di causa.

Io non dò una previsione come gli analisti perchè non è il mio lavoro, l’obiettivo di questo post è solo quello di far riflettere sul fatto che non sempre l’informazione, anche economica, è slegata dagli interessi. Oggi con la nascita di franchising di acquistao e vendita oro e con la vendita attraverso i distributori, per le strade, troppi sono interessati a far pensare che il prezzo dell’oro crescerà per sempre.

162 milioni alle PMI del Sud

Il Comitato di gestione del fondo del Ministero dello sviluppo economico ha messo a disposizione per il sud ( Sicilia, campania, Calabria e Puglia) ben 162 milioni di euro per finanziare investimenti dedicati a Innovazione, competitività ed energie pulite.

Potranno beneficiare di questi finanziamenti le piccole e medie imprese che hanno sede operativa nelle regioni del Mezzogiorno sopra menzionate.

I programmi prevedono di elargire 100 milioni di euro del Programma operativo nazionale (PON) chiamato “Ricerca e competitività 2007/2013” e 62 milioni di euro del Programma operativo interregionale denominato “Energie rinnovabili e risparmio energetico”, entrambi approvati dalla commissione europea.

Le risorse saranno gestite secondo le linee guida predisposte dal Ministero dello sviluppo economico. Per maggiori informazioni www.sviluppoeconomico.gov.it

Soldi virtuali vs. Soldi reali

Secondo voi, negli acquisti, in tutto il mondo, si muovono più soldi virtuali o più soldi reali?

Oggi, nel 2010, i soldi Reali hanno ancora il vantaggio, ma il solo fatto che ci poniamo questa domanda fa riflettere sul futuro del denaro e sul futuro delle abitudini d’acquisto e di pagamento delle persone.

I vari sistemi di pagamento attraverso soldi virtuali stanno crescendo vertiginosamente sia in tipologia che in consistenza.

Per citarne qualcuno, le forme di pagamento virtuale più utilizzate al mondo oggi sono:
Carta di credito, Carta di debito, Paypal, pagamento attraverso il proprio cellulare, Carte Rfid (identificazione a radiofrequenza)

Ma vediamo i numeri che sono a dir poco sorprendenti: Leggi il resto di questo articolo »

Salvagente per le aziende! Garanzie per i servizi bancari

Dato il periodo , molte aziende vivono una concreta difficoltà economica. Lo stato, grazie alle iniziative della comunità europea, per le medie e grandi aziende sta prevedendo degli aiuti concreti per il salvataggio e la ristrutturazione delle stesse.

Questo salvagente aziendale consiste nell’aiuto statale come garanzia per i finanziamenti bancari.

Le aziende che possono usufruire di questi aiuti sono le medie e grandi aziende che hanno almeno 50 dipendenti e sono già insolventi. Sono esclusi alcuni settori come: l’industria del carbone, l’industria dell’acciaio, pesca, acquacoltura. Mentre sono ammissibili la commercializzazione e la trasformazione alimentare.

Gli interventi previsti sono di due tipologie: Leggi il resto di questo articolo »

Quanto vale economicamente il rapporto con Gheddafi?

Forse la domanda più corretta serebbe stata: “Quanto vale economicamente il rapporto con Gheddafi per l’impresa Italiana?” oppure “Quanti soldi sono entrati in Italia per le umiliazioni che ha dovuto subire il popolo nelle visite di Gheddafi?”.

I giudizi dell’ultima visita del Leader Libico, nel nostro bel Paese, sono molteplici. Ma pochi hanno digerito, davvero, le bizzarre abitudini del dittatore Gheddafi. Purtroppo, i soldi, a volte giustificano anche comportamenti poco ortodossi e di un indubbio cattivo gusto. Quello che mi ha maggiormente indignato è stata la “lezione” di islam alle donne Italiane. Erano presenti un centinaio di donne portate A PAGAMENTO da un’azgenzie di modelle. La cosa buffa e divertente è che tre di loro hanno anche ammesso di essersi convertite all’islam.

Comunque, parliamo di economia. Vediamo quanto valgono economicamente gli accordi Italia – libia.

Due anni fa L’Italia e la Libia hanno firmato, a Bengasi, un trattato di amicizia che ha chiuso un lungo e difficile contenzioso coloniale, con solenni ammissioni di colpa da parte di Berlusconi ( cosa non farebbe per gli accordi economici ). Da allora la Libia è diventata uno dei mercati preferiti degli investitori delle grandi aziende italiane, dal petrolio alla ristorazione, dagli hotel ai film, dagli elicotteri alle banche. L’accordo tra i due paesi oltre che economico è di tipo sociale infatti permette all’Italia di rispedire in Libia i clandestini che vengono da quel paese.

Gheddafi e l’intera Libia ha ingenti capitali da investire all’estero e vorrebbe farlo anche in Italia. Leggi il resto di questo articolo »

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo alla ricerca di soluzioni per la propria assicurazione auto. Un blog del genere può diventare il punto di riferimento per gli utenti che cercano.

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp