Self marketing. Cosa fare se il cognome non ci aiuta?

Self marketing. Cosa fare se il cognome non ci aiuta?Piacere, Culetto!

Se avete un cognome del genere, e la telecom nelle sue liste ne conta ben 30, non è proprio facile costruire la propria immagine professionale, nè è facile curare il proprio Self Marketing.

Sicuramente a primo acchitto si può creare ilarità o imbarazzo, e questo non è eccellente!

Per i signori Culetto, non siete soli, ci sono anche: Chiavone (20), Cazzol (4), Ingannamorte (60), Cazzoni, Camposanto, Troia, Segapeli, Mezzasalma, Buttacavoli, ecc…

Ma come fare per gestire al meglio questi cognomi?

Ci sono 3 soluzioni principali per gestire il proprio Self Marketing in questi casi:
1) Cambio cognome; 2) Sfruttarlo a proprio vantaggio; 3) Usare uno pseudonimo;

1) Cambio cognome. Per farlo, oggi, non è più complicato. Basta una comunicazione al prefetto e 14,62€ di marche da bollo. Infatti, la legge prevede la possibilità di cambiare il proprio cognome familiare nel caso sia particolarmente ridicolo. I tempi sono di circa un mese. Per maggiori informazioni e per scaricare gli appositi moduli da compilare visitare il sito del ministero degli interni www.interno.it

2)Sfruttarlo a proprio vantaggio. Questa soluzione potrebbe diventare un’opportunità eccellente, a patto che si avverino alcune condizioni: a)Innanzitutto bisogna aver accettato il proprio cognome e non bisogna vergognarsene, anche se si viene derisi; b)Si ha la voglia di fare una sana autoironia, senza esagerare, quando ci si presenta. infatti l’autoironia trasmette, nella maggior parte dei casi, una certa sicurezza in se stessi; c) Si è disposti, in maniera spontanea e non forzata, a scherzare sul cognome. Mai forzare questo atteggiamento e mai farlo in maniera costruita, potrebbe essere controproducente.

3) Usare uno pseudonimo. Questa soluzione, molto in voga nel mondo dello spettacolo, è un’eccellente soluzione se della propria immagine ne costruiamo una professione. Nello spettacolo sono comuni gli pseudonimi, uno famoso è quello di “Rosolino Cellammare” in arte Ron. Ma questo non vale solo per il mondo dello spettacolo, a volte lo pseudonimo facilita le comunicazioni anche nel marketing, ad esempio non tutti sanno che il famoso Giorgio Tave, non è altro che Giorgio Taverniti, o Madri non è altro che Enrico Madrigrano. Ovviamente i lo pseudonimi facilitano le comunicazione e sono più facilmente ricordabili.

Comunque chi vi scrive fa cognome Pepe, non è certo ridicolo ma neanche è un cognome di cui vantarsi. A volte fare una sana autoironia mi ha facilitato molti rapproti umani.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.