Un miliardario cinese acquista la Volvo

Un miliardario cinese acquista la VolvoIl Milardario cinese Li Shufu, con il suo gruppo Geely ha acquistato dalla Ford la Volvo per la cifra di 1,8 miliardi di dollari. Mentre nel 1999 la Ford acquistò la stessa azienda per quasi il quadruplo della cifra.

Ma i cinesi non erano quelli che costruivano a basso costo pezzi di bassa qualità?

Questo ormai è solo un pregiudizio. Infatti l’economia cinese, cresciuta sulla copia di bassa qualità di molti prodotti, attraverso discutibili strategie di sfruttamento, oggi acquista aziende e soprattutto know-how da grandi aziende occidentali in difficoltà.

Ma chi è Li Shufu?

La leggenda narra che il giovane Li a 18 anni riceve un regalo da parte dei genitori di 100 yuan, con i quali acquista una macchina fotografica usata e una bicicletta usata. Ha passato qualche anno a girare per la Cina fotografando la sua terra, lo Zhejang, e vendendo le cartoline.

Dalla fotografia, poi, è passato alla chimica, ai frigoriferi, ed infine ai motori. Certo niente male passare da 100 yuan a 1,3 miliardi di euro ( secondo le stime di forbes).

Un po’ figlio dei tempi, un po’ figlio di una Cina che ha creato dei super ricchi sfruttando il lavoro a basso costo, quasi schiavitù, del resto della popolazione.

Certo l’economia si sta trasformando irrimediabilmente e soprattutto non si può più sottovalutare il colosso asiatico come attore principale della maggioranza dei macro spostamenti di soldi e la creazione di nuove enormi aziende.

Purtroppo, la Cina, mantiene da sempre una politica particolarmente accentratrice fino all’inverosimile, fino a convincere Google con tutte le censure a scappare, ideandone un clone che può controllare tutte le informzioni online. Questo ha portato molti competitors a scappare dalla Cina. Quindi il colosso asiatico fa business nel mondo aoccidentale che è piuttosto in libero mercato e il resto del mondo non può entrare nel mercato cinese che è tuttaltro che libero.

Chissà cosa succederà?

No Responses

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.