Google compra Aardvark. L’obiettivo? La nuova Biblioteca di Alessandria

Uno dei capitoli del libro-cult Wikinomics. La collaborazione di massa che sta cambiando il mondo, scritto dal duo Don Tapscott ed Anthony D. Williams s’intitola I nuovi alessandrini. Con una chiara e palese allusione alla Biblioteca di Alessandria d’Egitto.
domande-rispostePer diversi secoli la Biblioteca di Alessandria è stata meta di studiosi e filosofi.
In quel luogo Euclide pensò Gli Elementi.
Ad Alessandria d’Egitto Aristarco scoprì che la Terra girava intorno al Sole.
Si favoleggia di antichi e preziosissimi testi irrimediabilmente perduti tra incendi e fanatismi religiosi. Adesso la nuova biblioteca è sul web. Il pensiero corre immediatamente a Wikipedia, l’enciclopedia collettiva che, in virtù di un continuo feedback, va sempre più affinandosi, al punto da avere un tasso di errore più basso dell’Enciclopedia Britannica.
Ma non c’è solo Wikipedia.
I forum tematici sono animati da autentici esperti.
I blog sono scritti da persone appassionate che, grazie alla rete, possono condividere le loro idee e le loro competenze. Sempre più spesso gli utenti pongono domande e cercano risposte da altri utenti della rete. La forte diffusione di domande di ogni genere e argomento, e la necessità di risposte che siano esaurienti e competenti, sta conoscendo anche in Italia un grande crescita.
Yahoo! e Virgilio hanno già attivato servizi quali yahoo answear e virgilio genio per andare incontro alle esigenze di domande e risposte in rete.
Google, il motore che è tutti i motori, ha invece scelto di comprare, per circa 50 milioni di dollari, Aardvark, con l’obiettivo che lo stesso faccia da trait d’union tra chi pone le domande e chi ha le risposte.
Google ha a disposizione una infinità di informazioni, ma non sempre è agevole e semplice collegare la risposta alla domanda. O perlomeno una risposta soddisfacente.
Invece la soluzione semantica proveniente dalle community genera risposte di qualità, permettendo in tal modo a Google di migliorare ulteriormente la forza delle proprie SERP.
Il sito acquistato, Aardvark, ha oltre 90.000 utenti registrati. Di questi, oltre la metà, fonti parlano del 55,9%, ha creato dei contenuti sotto forma di domande o risposte. In media vengono poste circa 3.150 domande al giorno. Un altro dato rilevante è rappresentato dall’evidenza sperimentale che pone in evidenza come gli utenti che interagiscono via mobile sembrano essere più attivi e veloci rispetto a quelli via desktop.
Una percentuale vicina  all’87% delle domande ottiene una risposta, ed il 60% di esse riceve una risposta nel giro di 10 minuti. Il tempo media di risposta si aggira intorno ai 6 minuti e 37 secondi. Non male vero?
Una cosa va però ribadita. Se qualche studente universitario di fisica prova a cliccare su Wikipedia nomi quali Lev Davidovič Landau oppure Edward Witten rimarrà deluso dalla pochezza dei dati.
Eppure Landau è stato un fisico, premio Nobel, grandissimo ed uno dei più completi di sempre mentre Edward Witten è, con molta probabilità, il fisico vivente più importante.
Provate un po’ a cliccare invece il nome Anna Falchi. Il web è grande, è democratico, è figlio dei tempi, è libero, ma non è ancora maturo per fornire risposte di qualità.
Le moderne tecnologie possono essere di enorme aiuto, ma se qualcuno pensa di formarsi senza sudare e senza avere anche lo spirito pionieristico della scoperta sta sbagliando, e di grosso, i suoi calcoli. 

Lascia un Commento

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo alla ricerca di soluzioni per la propria assicurazione auto. Un blog del genere può diventare il punto di riferimento per gli utenti che cercano.

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp