Waka Waka mi ha confermato che Yahoo! Answers non funziona bene!!

Il mondiale sudafricano in atto, il primo in terra d’Africa, mi ha prestato lo spunto per riflettere sulla fallacia dei siti domande/risposte in giro per il web.
A finire nel mio “mirino” è stato un servizio di Yahoo! e più precisamente Yahoo! Answers.
Siccome una delle parole calde, hot, del mondiale di Sudafrica 2010 è, insieme al termine vuvuzela, Waka Waka ne volevo conoscere il significato.
Cercando su Google mi sono imbattuto in Yahoo! Ansewers e cosa mi trovo? In una delle domande c’era una risposta che recitava “So solo che è indonesiano”.
Ora, anche una persona che non sa né leggere né scrivere dovrebbe insospettirsi per un risultato del genere. Perché mai, una volta ottenuto il Mondiale, l’Africa dovrebbe ricorrere ad un sound sudorientale quale motivetto dei  SUOI mondiali? Eppure la risposta era lì?
Verrebbe anche da chiedersi perché, con tanti cantanti locali o africani, sia stata scelta una sudamericana come Shakira?
Apro e chiuso un inciso, in un’altra domanda Shakira veniva scambiata per Beyoncè (sic!!).

Dopo il fattaccio dell’Indonesia le risposte successive correggevano il tiro e indicavano Waka Waka come un canto marziale del Camerun; qualcosa che può essere tradotto con “cammina cammina” che i superiori gridano alla truppa o come un “avanti senza tregua” in occasione di un qualche assalto all’arma bianca.

Una risposta del genere già appagava meglio lo spirito, ma ancora non ero del tutto convinto. In quel momento mi è venuto alla mente che gli zulu indicavano con il nome Taka Taka le mitragliatrici degli inglesi. Taka Taka, Waka Waka…

Allora ho provato a digitare su Google “Waka Waka Zulu” e sempre Yahoo! Answers riportava come miglior risposta: “waka waka” é in Zulu, una delle lingue ufficiali del Sudafrica. Significa “cammina, cammina”, “fallo, fallo” nel senso di “agisci”.. é un buon auspicio affinché l’Africa possa riscattarsi dai mille problemi che la schiacciano.

Sempre “cammina cammina” ma, d’amblè, è diventato, da camerunense che era, un canto zulu.

Ora, dal momento che una regione dell’odierno Sudafrica era chiamata, nell’800, Zululand e che gli stessi Zulu furono via via spinti verso nord dall’avanzata ora degli olandesi, ora dei boeri e ora degli inglesi, mi verrebbe da dire che la risposta esatta sia quella indicante un canto zulu.

Solo che…solo che non ne sono convinto al 100% e la maggior parte delle risposte di Yahoo! Answers indica Waka Waka come canto camerunense.

Non è la prima volta che Yahoo! Answers non mi convince, spesso fornisce delle risposte ambigue quando non fuorvianti, il guaio è che ha una capacità di rimediare agli errori molto più bassa di Wikipedia.
Il guaio è che molti adolescenti ed internauti prendono per oro colato tutto ciò che viene da questi siti partecipativi, siti dove c’è l’interazione degli utenti, contando sul fatto che gli errori, presto o tardi, verranno eliminati.

Spesso non succede. E l’errore resta lì, a trarre in inganno l’utente ingenuo.

Questo delle risposte è un segmento della rete molto ambito, se non lo fosse non si spiegherebbe il tentativo di Facebook di fornire un servizio di domande/risposte; e non si spiegherebbe la scelta di Google di spendere 50 milioni di dollari per Aarvark.

2 Commenti a “Waka Waka mi ha confermato che Yahoo! Answers non funziona bene!!”

  • […] L’altro social in esame, Quora, è invece un’enorme di piattaforma di crowdsourced knowledge, ossia una piattaforma capace di aggregare domande e risposte. Una sorta di nuovo, e si spera più efficiente e funzionale, Yahoo! Answers intorno al quale ci siamo lamentati in merito al Waka Waka […]

  • Anonimo says:

    […] ad uno stato embrionale. L’obiettivo dichiarato è cercare di far meglio di Yahoo!Answers che funziona malino. I fondatori di Quora vengono, manco a dirlo, da Facebook, ma non erano programmatori frustrati e […]

Lascia un Commento

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo al risparmio, sempre molto ricercato in Italia. Un sito molto autorevole per questo argomento èNoirisparmiamo.com, sul quale è possibile trovare moltissime soluzioni per risparmiare sugli acquisti, su bollette, e su tanti beni e servizi di necessità.

Inoltre, un argomento particolare ma anche molto cercato per chi vuole fare un "affare" è quello delle Aste Giudiziarie. Se vuoi restare aggiornato e trovare tutte le aste giudiziarie d'Italia visita: Aste Giudiziarie

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp