Backorder dominio, nuova fonte di guadagno?

Dopo il post dove parlavamo della vendita di siti oggi parleremo della vendita di domini, più in particolare del recupero dei domini in scadenza (backorder appunto) e della successiva vendita sulla rete. Infatti, dopo il lancio del backorder made in italy, anche da noi ha preso piede la moda del recupero domini e della successiva “speculazione”.

Tutti noi, infatti, sappiamo che un dominio può essere pensato come un investimento, questo come sempre può andare bene o può andare male. Oggi, con un paio di consigli utili, cercheremo di aiutarvi nella scelta del buon dominio in scadenza in modo da evitare brutte sorprese.

Quando andiamo ad effettuare un backorder, dobbiamo concentrare la nostra attenzione principalmente su questi 5 aspetti:

  1. Anzianità del dominio: questo è uno degli aspetti più importanti, non tanto per l’anzianità fine a se stessa, quanto per i fattori ad esso collegati come link in ingresso ect. Un dominio con una buona anzianità infatti, ha avuto più tempo a disposizione per farsi “conoscere” dalla rete. Ovviamente, prima della fase di backordering dobbiamo assicurarci che il dominio si sia fatto conoscere per eventi positivi e non che abbia maturato una cattiva fama.
  2. Argomento sviluppato dal dominio nella sua storia: nel caso in cui stessimo decidendo di effettuare il backorder di un dominio composto da chiavi legate ad un determinato target, questo non sarebbe molto sensato nel caso in cui il suo vecchio utilizzo fosse rivolto a target completamente differenti.
  3. Qualità dei contenuti: recuperare un dominio legato ad un sito autorevole in un determinato settore non ha lo stesso valore del backorder di un dominio legato ad un blog personale di scarso rilievo.
  4. Page Rank: tanto screditato negli ultimi tempi, il PR suscita ancora tanta attenzione. Per questo motivo, recuperare un dominio con PR6 non sarebbe di certo una brutta cosa! Senza parlare di vantaggi lato SEO, un dominio con un PR elevato riesce a spuntare sempre un prezzo più alto in fase di vendita.
  5. Link in ingresso: i link in ingresso al dominio recuperato sono veramente l’arma in più di un domino, questi ovviamente devono anche essere sfruttati correttamente! In questo caso, prima della scadenza del dominio, si rivelano molto utili i vari tool online per la ricerca dei link in ingresso ad un sito attraverso i quali possiamo capire molto del dominio in scadenza.

Esistono casi in cui questi aspetti possono essere totalmente tralasciati. Infatti, nel caso in cui trovassimo in scadenza domini premium o domini con chiavi altamente richieste, potremo procedere tranquillamente al backorder del dominio sicuri di poter spuntare un buon prezzo di vendita con domainer esperti della rete.

 Con un po’ elasticità e attenzione, questa del backorder può sicuramente essere una buona strada per ottimi guadagni facendo attenzione di volta in volta al dominio che andiamo a seguire.

Un Commento a “Backorder dominio, nuova fonte di guadagno?”

Lascia un Commento

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo alla ricerca di soluzioni per la propria assicurazione auto. Un blog del genere può diventare il punto di riferimento per gli utenti che cercano.

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp