Nascono i primi gruppi ebook su Facebook, una valanga di ebook che andrebbero filtrati. Alcuni suggerimenti in merito..

Il caso e-state book è un gruppo Facebook nato questa estate per effetto dell’idea del medico e scrittrice Maria Giovanna Luini.
Ossia una pagina su Facebook nella quale segnalare, evidenziare e mettere a disposizione, gratis, degli libri in versione elettronica (ebook) da scaricare.
Ebook che potranno essere letti su pc o, molto meglio, su un supporto e-Reader.
Una lodevole iniziativa che pone l’editoria classica dinanzi a nuove sfide ed opportunità con le quali confrontarsi; la voglia di evasione, di informare e istruire non andrà persa, siamo ormai in grado di dire che è connaturata con l’uomo, quasi una stringa cromosomica che ci portiamo dietro dalle iscrizioni rupestri della preistoria.
Cambierà il supporto e la distribuzione, e le case editrici che non riusciranno a capire e cavalcare il cambiamento saranno costrette a subirla la rivoluzione digitale. Ovviamente la situazione potrebbe esplodere, dopotutto siamo un popolo di santi, poeti, navigatori e… scrittori.
E la tanta, troppa libertà, tipica della rete potrebbe generare come effetto più rumore bianco che vera qualità. ad oggi gli editori, pur sbagliando e pur con tutte le restrizioni possibili, operano una operazione di filtraggio che verrebbe meno al tempo del web 2.0.
E anche i commenti e le recensioni entusiastiche, oggi delegate a critici ben pagati, potrebbero, contrariamente a quanto pensano i teorici della rete, non premiare necessariamente gli ebook migliori, ma solo quelli più organizzati e smaliziati dal punto di vista web e social.  
Sorge quindi il problema di stabilire, in assenza di un filtro, quali ebook sono effettivamente di qualità e quali no. c’è però la consolazione che detti ebook sono gratis, possono essere chiusi immediatamente, cancellati dalla memoria fisica e sono meno ingombranti dei libri tradizionali.
Un ottimo modo per filtrare i contenuti potrebbe essere quello di allestire della piattaforme ad hoc per generi e sottogeneri, tipo una piattaforma per raccontini ed ebook horror, un’altra per cyberpunk, una ancora per steampunk, ancora una che western o di racconti ucronici.
E così via. in tal modo si favorirebbe l’utente nella navigazione nel mondo degli ebook, e l’utente stesso potrebbe diventare un primo, seppur inefficace per quanto abbiamo detto in precedenza, filtro.
Il gruppo/progetto della Luini sta cercando di ovviare al problema del filtro implementando due liste di ebook.
In una lista sono raggruppati i libri suggeriti dalla stessa scrittrice, prodotti scaricabili solo dal suo sito personale. In un’altra lista sono presenti gi ebook che chiunque può proporre lasciando un post/link in Bacheca.
Un compromesso strategico capace di fornire suggerimenti e di lasciare nel contempo spazio, libertà e vivacità ai rumors ed alle conversazioni spontanee ed alle recensioni in puro e pieno spirito wiki e web 2.0.

Un Commento a “Nascono i primi gruppi ebook su Facebook, una valanga di ebook che andrebbero filtrati. Alcuni suggerimenti in merito..”

  • marco says:

    l’iniziativa della luini è interessantissima. si vede che è stata studiata bene in tutti i dettagli. un filtro ci vuole, per questo lei seleziona e lancia solo alcune opere. questo significa leggere (anche se la lettura è soggettiva) scritti di qualità.
    dall’altra parte lascia una libertà in ottica web 2.0 di permettere a tutti di “pubblicare”, anche se forse è più giusto dire “condividere”, le proprie opere.
    hai visto mai che in questo modo possano emergere anche nuovi scrittori?
    e poi il tutto è gratuito! quindi un tentativo di pubblicare qualcosina, lo farei anch’io 🙂

Lascia un Commento

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo alla ricerca di soluzioni per la propria assicurazione auto. Un blog del genere può diventare il punto di riferimento per gli utenti che cercano.

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp