Facebook e la privacy! Come difendersi?

Il tema della privacy su Facebook infuria da diverso tempo, non pochi guru della Rete vedono come il fumo negli occhi il possibile uso, non si sa per quali fini, delle foto, delle nostre inclinazioni, delle nostre passioni e così via.

Dopo la necessaria sperimentazione negli Usa, il social blu ha reso disponibile anche in Europa e, ipso facto, e in Italia l’applicazione che consente il taggamento automatico a volerla dire in modo un po’ traumatico e brutale.
Cos’è? Trattasi (quante volte abbiamo sentito nei film d’antan e letto la parolina trattasi?) di un software capace di effettuare un riconoscimento facciale automatico.

Il software sembrerebbe capace di riconoscere il nostro volto e di taggarci in modo automatico, sollevando i nostri amici dall’incombenza.

E se non vorremmo farci riconoscere e taggare? In passato abbiamo segnalato alcuni gruppi divertenti in merito alla moda di taggare, qualcosa come   C…O Mi Tagghi a fare che sto con l’amante?? e Che cazzo mi tagghi che sono venuto male?

Bene, adesso queste scocciature arriveranno in automatico. E non sempre sarà una bella cosa! Con questo software il livello della nostra privacy in rete si abbassa ancora di più. E’ possibile una difesa? Certo che sì, ed è necessaria con società come Facebook che, quando si tratta di privacy, si limita a lasciare agli utenti la libertà sulla privacy, una sorta di autoregolamentazione che non sempre produce dei buoni effetti.

La piattaforma Facebook ha attivato questo software di riconoscimento facciale per default, ma è possibile inibirlo. Per farlo bisogna entrare in un luogo esoterico dove in tanti, troppi utenti ed iscritti a Facebook non hanno mai messo piedi. Questo antro spaventoso e spaventevole, anche solo a nominarlo, passa per le impostazioni di privacy del proprio account.

Allora vediamo un po’ il percorso.

Si entra nell’account, poi si passa su privacy e da lì personalizza. Indi (era da tempo che non scrivevo indi) si va su suggerisci agli amici le foto dove ci sono io. E si clicca su no.

Ricapitoliamo: account/privacy/personalizza/suggerisci agli amici le foto in cui ci sono io/no .

Non è molto difficile.

Lascia un Commento

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo alla ricerca di soluzioni per la propria assicurazione auto. Un blog del genere può diventare il punto di riferimento per gli utenti che cercano.

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp