Quanto si guadagna con un blog? E come?

Quanto si guadagna con un blog? E come?Da qualche anno a questa parte, dopo la volta dei forum, dobbiamo sottolineare, per dovere di cronaca e di merito, l’importanza che i blogs stanno riscuotendo sul panorama mondiale.

Ne abbiamo già parlato diverso tempo fa ed il settore è in forte crescita online.

Aprire un blog è diventato veramente semplice, ci sono tantissimi servizi online già configurati (vedi Blogger) e una marea di guide che in pochi passi e con pochi euro ti spiegano come acquistare un dominio (il nome del sito raggiungibile attraverso la barra di ricerca del browser) ed installare un CMS (ad esempio WordPress) per avere un blog con tutte le carte in regola.

Costruire un blog, come avete visto, è veramente semplice.

Ma la domanda che, sempre più spesso, le persone che arrivano su internet si fanno è un’altra…

Quanto si guadagna con un blog?

Una domanda da un milione di dollari insomma. No, calmi! Non ho mica detto che con un blog si guadagna un milione di dollari!

Non che non sia possibile (c’è gente che ci è riuscita), ma non è da tutti e soprattutto ci vuole tanto lavoro e tanta costanza. Il perché lo capirete più avanti, in queste righe che sto’ per scrivervi.

Ritornando alla fatidica domanda “quanto si guadagna con un blog?”, proviamo innanzitutto a capire la logica di monetizzazione che c’è dietro un blog.

Il proprietario di un blog può guadagnare in diversi modi. La cosa importante da capire è che, prima di trarne profitti, bisogna saper creare una propria utenza, gente interessata all’argomento che viene trattato sul blog e cercare di puntare sempre più in alto, perché maggiore sarà il traffico in entrata, maggiori saranno le possibilità di guadagno.

Il modo più diffuso per guadagnare con il proprio blog è quello collegato all’integrazione di banner pubblicitari facenti capo a sistemi PPC (Pay Per Click). L’esempio per eccellenza è rappresentato da Google Adsense, il sistema più usato in assoluto dai blog di tutto il mondo.

Il guadagno varia di giorno in giorno, da argomento ad argomento e segue anche i periodi dell’anno. Un vero “oroscopo” per certi versi, di cui, ovviamente, non sappiamo niente di certo. L’unica cosa che sappiamo è che ci sono argomenti che pagano più degli altri e banner che rendono meno degli altri, il resto è nelle mani di Google e degli utenti, che scelgono se cliccare o meno sulle pubblicità presenti nel blog.

Altri metodi di guadagno possono essere i banner pubblicitari PPL (Pay Per Lead), che pagano per ogni azione che l’utente svolge (che può essere l’installazione di un programma, l’iscrizione ad una newsletter, ecc.). Moltissimi webmaster sono riusciti, con questo sistema, ad arrotondare i propri guadagni, anche perché per blog estremamente settoriali si trovano delle campagne pubblicitarie niente male!

Per chi, invece, ha grandissimo traffico in entrata possono essere una buona soluzione anche i banner pubblicitari PPI (Pay Per Impressions), che pagano una piccola somma ogni volta che l’annuncio compare nella pagina sul monitor dell’utente. Pagano veramente pochissimo, ma come dicevamo prima, su grandi numeri potrebbe valerne la pena.

Ci sono altre decine di metodi per poter guadagnare con un blog (vendita di pubblicità diretta, campagne DEM, ecc.), ma non basterebbero 10 pagine di questo blog per poterle elencare tutte e spiegare a cosa servono.

Lo scopo di questo articolo è puramente informativo: quello che speriamo sia rimasto a chi legge è che con un blog è veramente possibile guadagnare. C’è bisogno di tanto impegno, competenza e pazienza, perchè i soldi non arrivano da un giorno all’altro. Quello che ci piacerebbe spiegare alla gente, poi, è che guadagnare con un blog è veramente possibile, lo ripeteremo fino alla noia, ma non si può sicuramente dare una risposta alla domanda che abbiamo fatto ad inizio articolo.

Se, infatti, vi chiedono: “Quanto si guadagna con un blog?

Rispondete semplicemente con “dipende”, che va’ sempre bene e non è mai una risposta errata!

Pensiamo a creare un progetto valido e ad essere apprezzati dalla nostra utenza, il resto verrà da se.

2 Comments

  1. Giuseppe 30 Settembre 2012
  2. Mauro Pepe 2 Ottobre 2012

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.