Il purgatorio di Google! Attenzione all’inferno, anime SEO

google-infernoQuesto post lo voglio dedicare a quesi seo che esagerano con l’ottimizzazione delle pagine da posizionare o creano sistemi artificiosi troppo spinti per aumentare i Back Link alle pagine in questione.
Google, il migliore tra i motori per quello che riguarda la lotta alla sovraottimizzazione e ai siti spam, ha creato un sistema ( penso ormai da 2 anni) che prevede la divisione delle analisi del suo DB di pagine web indicizzate ( oltre le 10 miliardi di pagine)  in due macro tabelle.

La prima dove sono presenti sutte le pagine OK, quelle che non violano le sue regole, e un’altra tabella, molto più piccola e quindi più facilmente e velocemente interrogabile dove inserisce i siti e soprattutto le pagine che tiene sotto osservazione. Magari delle pagine che o sono sovraottimizzate o sono legate per incroci di link a pagine e siti spam. Le pagine di questa seconda tabella non sono penalizzate, ma sono sotto osservazione, quindi sono nel purgatorio di Google.

Questa suddivisione delle tabelle, ha permesso a Google di controllare un numero minore di pagine a rischio penalizzazione e quiandi riesce a dare risposte molto ma molto più veloci di quando gestiva una sola tabella.

Il problema da parte di Google, non sono gli algoritmi che riescono a capire le pagine sovraottimizzate, ma i tempi di calcolo e di rilevazione. Analizzare 10 miliardi di pagine, anche per il colosso americano è un lavoro che richiede molto tempo, troppo! Con questo sistema riesce a tenere sotto controllo le pagine “pericolose” in un centesimo del tempo e utilizzando (spendendo) molta ma molta meno potenza di calcolo.

Questa informazione, che ho associato al purgatorio Dantesco, è importantissima per far capire ai SEO sconsiderati, che esagerano con l’ottimizzazione delle pagine o la ricerca di sitemi automatici per la creazione di BL, di stare molto attenti che Google ha velocizzato i sistemi per carpire le pagine pericolose e ha velocizzato, di conseguenza, le azioni di penalizzazione e ban dei siti.

Attenti a non finire proprio nell’Inferno del BAN.

Lascia un Commento

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo alla ricerca di soluzioni per la propria assicurazione auto. Un blog del genere può diventare il punto di riferimento per gli utenti che cercano.

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp