Link building. Attenzione, non tutti i link vengono considerati dai motori di ricerca

L’importanza della gestione dei link di un sito e la gestione del link building è stata trattata varie volte. Ma  non tutti sanno che i link hanno valore diverso agli occhi dei motori di ricerca. 

Alcuni link non vengono considerati proprio, vengono letteralmente ignorati da Google e concorrenti.

I link sono il modo migliore per far conoscere agli utenti finali e ai motori di ricerca altre pagine e altre risorse online, se non vengono considerati da Google ( soprattutto) si rischia di perdere molto in termini di traffico online, trustranking e soprattutto in termini di posizionamento sui motori.

Vediamo quando bisogna stare attenti ai link e come li considerano i motori di ricerca e in testa Google:

LINK INTERNI AL SITO:

  • Menù e link in flash e javascript. Google e gli altri motori di ricerca, danno peso solo ai link che stanno nel codice html. Per quello che riguarda i flash non indicizzano affatto le pagine che vengono linkate. Quindi attenzione a come costruite un sito, se è fondamentale indicizzare una pagina del menù allora o eliminare il flash e inserire il codice html puro, oppure inseire all’interno della pagina sia un menù bello esteticamente ( flash) sia uno con soli link testuali.
  • Link che puntano a pagine bloccate. Tutti i link che puntano a pagine bloccate attraverso il file robots.txt non vengono indicizzate dai motori. Questo generalmente è un bene!
  • Link non raggiungibili navigando nel sito ma indicizzabili dai motori di ricerca. Ormai i motori di ricerca sono in grado di scoprire questi trucchetti e oltre a penalizzare la pagina in questione diminuiscono i trustrank del sito.
  • Link in pagine con più di 100 link. Questa informazione non è confermata da BigG, l’ho letta su un blog qualche giorno fa ( pecciola.com), e la trovo molto interessante. In poche parole, link presenti in pagine con più di 100 link non vengono indicizzate. I motori di ricerca lottano contro risorse spam e liste di link infinite.
  • Link in un form. Tutte le informazioni presenti in pagine con un form vengono ignorate dai crowlers.

 

LINK ESTERNI CHE PUNTANO AL SITO:

  • Link con il traget “nofollow”. Quando un link viene scritto come segue: <a rel=”nofollow” href=”http://puntoblog.it”>Blog web marketing</a>, indica a Google che la pagine di atterraggio del link non deve essere indicizzata. Google sicuramente non indicizza le pagine con i link nofollow, ma yahoo e bing le indicizzano. Ovviamente non viene passato nè il PR nè il Trustrank.
  • Link in pagine con più di 100 link. Inutile perdere tempo con link in pagine con troppi link. Non aiutano al posizionamento.
  • Menù e link in flash e javascript. Inutile per il posizionamento ricevere link da flash.

Queste piccole informazioni sono preziose quando si costruiscono le matrici di link e quando si strutturano e progettano le campagne di link building.

Lascia un Commento

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo alla ricerca di soluzioni per la propria assicurazione auto. Un blog del genere può diventare il punto di riferimento per gli utenti che cercano.

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp