Bing e Yahoo un accordo per combattere lo strapotere di Adwords

A luglio Bing e Yahoo hanno trovato un accordo per creare una piattaforma unica di advertising che sfrutti il Pay per click per fare concorrenza al più importante, famoso e ricco Google Adwords.

La Microsoft ha ben pensato di creare questa partnership con Yahoo per una ragione ben specifica. La maggioranza delle aziende acquista il pay per click su Adwords soprattutto perchè  su Google sono presenti la maggioranza delle ricerche. Se un’azienda vende impianti sportivi a Roma vuole fare la pubblicità su un motore che abbia un numero di ricerche tali da abbracciare anche il suo target di riferimento. Oggi Microsoft con Bing non riesce ancora a garantire questo, e perciò ha contattato Yahoo!

Chissà se questo accordo potrà mai diventare un degno concorrente di Adwords.

Sicuramente però possiamo analizzare e citare alcuni vantaggi che gli inserzionisti potrebbero trovare sul servizio pay per click di Bing:

  • Prezzi inferiori. Ovviamente, siccome Google è molto presente sul pay per click, oggi per la maggioranza delle parole chiave che hanno interesse ci sono moltissime aziende che concorrono per accaparrarsi i primi posti nelle pagine di Google, e quindi il costo click è elevato. Mentre per Bing questa lista sarà molto inferiore e quindi il costo click molto più basso.
  •  Tassi di conversione migliori per alcuni target. Quello che farà la differenza, in questa partita, saranno i tassi di conversione. Unico vero paramentro per giudicare il successo di una campagna di advertising. Bing e Google presentano target di persone diversi, dovuti soprattutto al fatto che Google è il motore generalista per eccellenza, ma Bing è il motore spinto da MSN, che ha dei target molto ben definiti e quindi molto meglio attaccabili commercialmente. Bing presenta come target le persone tra i 25-54 anni, mentre Google 13-34 anni. Inoltre, per alcuni servizi molto ben curati sul portale di MSN, come il gossip, ha creato un target di persone che lo seguono molto che particolarmente definito, donne benestanti tra i 35-49 anni ( un target interessantissimo per moltissimi siti BtoC).
  • Migliore supporto clienti per piccoli conti. Google Adwords fornisce un’eccellente assistenza solo per gli account che spendono in pubblicità varie centinaia di migliaia di euro l’anno. Per tutti i piccoli inserzionisti, che rappresentano la maggioranza, il servizio clienti è relegato a forum, blog e servizi impersonali. Bing ha deciso di aggredire proprio il piccolo inserzionista. A patto che spenda almeno 500,00$ al mese ( una cifra molto bassa del resto) mette a disposizione un’assistenza telefonica ad hoc.
  • Traffico di ricerca in fortissima crescita. Ovviamente con l’accordo tra Bing e Yahoo la ricerca passerà da un piccolo 12% ad un molto più significativo 30%, e questo incremento di crescita permetterà a questo nuovo servizio di advertising di essere maggiormente appetibile.
  • Possibilità di importare le campagne create su adwords in Bing. Questo è un eccellente servizio che permetterà a tutti gli inserzionisti di non ripetere una seconda volta tutto il lavoro effettuato. Sarà possibile importare, quasi alla lettera, tutte le informazioni presenti nelle proprie campagne adwords.

Le novità sono interessanti. Negli USA partirà questo servizio già in autunno, chissà quando sarà disponibile in Italia e che resa avrà.

4 Commenti a “Bing e Yahoo un accordo per combattere lo strapotere di Adwords”

  • Francesco says:

    Interessantissimo articolo e ti ringrazio molto! Proprio ciò che cercavo! Ti posso chiedere una cosa? Esistono coupon come per adsense di google per poter sperimentare una campagna nuova?

    ti ringrazio

    Francesco

  • admin says:

    Dobbiamo aspettare ancora qualche mese per vederlo attivo in Italia.

    Sicuramente dovranno pubblicizzarlo e farlo conoscere e penso che l’idea del coupon potrebbe essere tra le strategie di Bing.

    Quando sapremo novità le posteremo sicuramente

  • Francesco says:

    però per esempio, in italia posso già usare yahoo search marketing. Volevo sperimentarlo! Anche di questo cercavo dei coupon, solo che non riesco a capire se alla fine mi accredita o meno il coupon.

    yahoo serach marketing, è già operativo, e stavo pensando di utilizzarlo come alternatica a google adwords che al momento mi fa utilizzare un solo account, per alcuni problemi del passato ( miei errori ). E volevo lancare altri progetti con yahoo. Ti ringrazio moltissimo per la velocità di risposta.

    Francesco

  • admin says:

    Yahoo search marketing l’ho utilizzato un anno fa e non mi ha fatto proprio una bella impressione. Per il mercato Italiano pessima copertura per le parole chiave che non avevano un numero di ricerche enormi. Insomma poco adatto alle nicchie.

    Inoltre, siccome yahoo permette solo ad inserzionisti da milioni di visitatori unici al mese di poter pubblicare banner testuali ( tipo adsense), anche la rete di contenuto è poca cosa in Italia.

    Penso però che per le campagne in lingua inglese potrebbe essere migliore data una penetrazione di mercato superiore ( circa il 30%)

Lascia un Commento

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo al risparmio, sempre molto ricercato in Italia. Un sito molto autorevole per questo argomento èNoirisparmiamo.com, sul quale è possibile trovare moltissime soluzioni per risparmiare sugli acquisti, su bollette, e su tanti beni e servizi di necessità.

Inoltre, un argomento particolare ma anche molto cercato per chi vuole fare un "affare" è quello delle Aste Giudiziarie. Se vuoi restare aggiornato e trovare tutte le aste giudiziarie d'Italia visita: Aste Giudiziarie

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp