Dante e Shakespeare, Napoleone e Sun Tzu, Gesù e Ghandi riscoperti ad uso e consumo dei manager.. Che ne pensate?

General Manager, chi è costui? Ok, amici… stop alle definizioni ed al brainstorming, siete fuori pista.
Chi come me ogni tanto bazzica nelle librerie, quelle cartacee e fisiche, nota che, da qualche anno a questa parte, nella sezione dedicata al management è tutto un fiorire di titoli che abbinano un condottiero alla gestione delle imprese.
Forse rendo un po’ meglio l’idea se comincio a fare qualche esempio:

  • Napoleone e il management. Lezioni di pianificazione, esecuzione e leadership – Manas Jerry, Etas
  • Lezioni napoleoniche. Sulla natura degli uomini, le tecniche del buon governo e l’arte di gestire le sconfitte – Ferrero Ernesto, Mondadori
  • La leadership di Alessandro Magno. Lezioni di management dall’uomo che creò un impero – Kurke Lance, Etas
  • Sun Tzu. Strategie per la vendita. Usare l’arte della guerra per costruire relazioni durature con il cliente – Michaelson Gerard A.; Michaelson Steven W., Etas
  • Sun Tzu. Strumenti per l’azione. L’arte della guerra per realizzare i propri obiettivi – Michaelson Steven W., Etas
  • Sun Tzu. Strategie per il marketing. 12 principi fondamentali per vincere la guerra del mercato – Michaelson Gerard A.; Michaelson Steven W., Etas
  • Sun Tzu. L’arte della guerra. Riletto a uso dei manager – Livio Buttignol, Etas
  • Sun Tzu, Machiavelli & Co. L’arte della guerra e della politica aziendale – Phillips Tim; McCreadie Karen; Shipside Steve, Etas
  • La strategia di von Clausewitz. Riletta a uso dei manager – Ghyczy Tiha von; Oetinger Bolko von; Bassford Christopher, Etas

Insomma, avete capito cosa intendo, si noti che la Etas la fa da padrone ed il più letto e copiato è Sun Tzu, del quale si sa ben poco, forse non è  mai esistito.

Quale è la strategia migliore? Sempre una sola: quella che vince.

Questi libri parlano di generali che avevano degli approcci completamenti diversi alla guerra. Il minimo comune multiplo è rappresentato dalla leadership che riuscivano ad esercitare e da una certa dose di fortuna, indispensabile per avere successo. E basta.
Perché von Clausewitz e Sun Tzu avevano delle idee e delle strategie belliche agli antipodi e tra loro mutuamente esclusive.
Se accettassimo per buone le mosse di Sun Tzu dovremmo dimenticarci di von Clausewitz. E viceversa.
E mi aspetto da un momento all’altro anche un libro per manager ispirato a Giulio Cesare, e sarebbe un’idea tutt’altro che peregrina, vista l’assonanza nella vita e nelle azioni tra Napoleone e Giulio Cesare; il corso per certi versi sembra aver modellato le sue azioni a partire dalle gesta di Giulio Cesare.
Giulio Cesare per manager, chi pubblicherà per primo?
E perché nessuno, che io sappia, ha mai pensato a un Carlo Magno per manager?
Gengis Khan per manager è un po’ troppo cruento?
Ma la creatività dei manager con finisce qui, perché girando girando girando possiamo trovare:

  • Esopo e il manager. Brevi favole per vivere meglio in azienda – Noonan David, Etas
  • Dante per i manager. La Divina Commedia in azienda – Cerni Enrico, Il Sole 24 ore libri
  • Shakespeare e il management. Lezioni di leadership per i manager d’oggi – Corrigan Paul, Etas

Neanche il sommo poeta ed il bardo sono scampati all’attenzione dei manager con il vizio di insegnare qualcosa, gli ugonotti e Prospero catapultati nei consigli d’amministrazione.
Sono stupefatto dal fatto che ancora non ho visto (magari ci sono già eh!) qualcosa del tipo Cristoforo Colombo per Manager; Marco Polo, capitano d’impresa; David Livingstone, una cascata di idee; Kit Carson come trader; Umberto Nobile ed il sangue freddo negli affari. Dopotutto anche le loro erano imprese mica da ridere.

La religione ed i leader religiosi non sono stati esentati:

  • Buddha per manager. La meditazione orientale per dirigenti in carriera – Zittlau Jörg, Eco
  • Gandhi per i manager. L’altra strada per un successo illuminato e pacifico – Zittlau Jörg, Ponte Delle Grazie
  • Gesù come manager – Bob Briner, Mondadori

Come non sono stati esentati i filosofi ed i pensatori, Eraclito, Socrate, Cartesio, Wittgenstein e sir doktor Karl Raymund Popper sono diventati dei marketer nel

  • Cogito ergo brand. Da Eraclito a Popper: breve storia filosofica del branding – Braun Thom, Etas

E voi, su chi scommettete? O quale personaggio storico vorreste come Top Manager?
Io Norman Schwarzkopf…l’eroe della Guerra del Golfo

Lascia un Commento

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo alla ricerca di soluzioni per la propria assicurazione auto. Un blog del genere può diventare il punto di riferimento per gli utenti che cercano.

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp