Il silenzio elettorale e il web. Qualcosa non torna

Come ben sapete, il 6 Maggio ci sono state delle elezioni amministrative in alcune città italiane, con turni di ballottaggio il 23.

E come ben sapete, il movimento di Beppe Grillo, nato essenzialmente in rete con un blog, ha “preso” una città (Parma) e qualche altro comune, il primo sindaco targato M5S è stato un certo Roberto Castiglion, un ingegnere poco più che trentenne che è riuscito a farsi eleggere primo cittadino di Sarego, città vicentina peraltro sede del folkloristico Parlamento Padano.

Ma non è di politica che voglio parlare in questo post.

Già 4 anni fa, non pochi analisti politici individuarono nell’uso dei social (in primis Facebook e Twitter) come un fattore in più per Obama.
Il punto che voglio sottolineare è un altro.

Una legge che credo risalga al 1956 regolamenta il silenzio elettorale.
Silenzio che da un po’ di anni a questa parte viene regolarmente aggirato dal momento che la legge riguarda “affissioni di stampati, giornali murali e manifesti di propaganda”.

Ergo, non i social, che non erano previsti né preventivati nel 1956. Così come i blog non sono stampa clandestina, come ha recentemente sentenziato la Cassazione. Ma torniamo a noi.

Il punto dolente riguarda altresì l’uso del mezzo; i politici stigmatizzano l’uso di Internet quando li mettono alla Berlina o, più semplicemente, sollevano il velo sulle loro attività; gli stessi politici però non si fanno scrupoli a usare internet e i social anche nei giorni proibiti pur di raccattare qualche voto in più.

Anche durante la tornata elettorale ci sono state link a video su Facebook e Twitter, appelli pro o contro questo o quel candidato, e così via.

Servirebbe una regolamentazione ad hoc solo per le elezioni, per evitare che qualcuno si avvantaggi rispetto a qualcun altro che invece le regole le rispetta.

Un Commento a “Il silenzio elettorale e il web. Qualcosa non torna”

  • Fabio says:

    In che modo, su internet, ci si può avvantaggiare rispetto a qualcun altro, visto che internet è a disposizione di tutti e costa uguale per tutti (il più delle volte costa zero)?

Lascia un Commento

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo alla ricerca di soluzioni per la propria assicurazione auto. Un blog del genere può diventare il punto di riferimento per gli utenti che cercano.

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp