E-mail marketing, progettare una campagna

Fra i tanti strumenti che si possono utilizzare nel commercio moderno, non sono da trascurare quelli forniti dalla posta elettronica. Di seguito qualche consiglio.

DADO-AM-004_email-marketingI vostri prodotti sono in bella mostra sul sito che avete creato con pazienza e accortezza? Bene, di certo avrete saputo valorizzarli e avrete studiato delle efficaci soluzioni grafiche nonché dei metodi per indicizzare nel migliore dei modi il vostro indirizzo web, così che gli esperti del vostro campo “accorrano” a visitare con curiosità le vostre pagine. Forse però è giunto il momento di ingranare la marcia successiva e accostarsi a un’ulteriore, vantaggiosa maniera per farvi conoscere capillarmente: l’e-mail marketing, sul quale peraltro Webinabox.it può darvi qualche dritta. 

Di che si tratta

Quando si intende lanciare un nuovo articolo o un’iniziativa che sta per partire, la posta elettronica, un “bene” di cui sono ormai provvisti tutti, diventa un veicolo ideale. Ma attenzione: non è il caso di redigere un messaggio asettico e spedirlo indistintamente, senza un criterio vincente. Bisogna soffermarsi su ciò che serve davvero, soppesare gli elementi e individuare un target ottimale, in modo da ridurre i margini di errore. Bei principi che purtroppo non sono così facili da applicare e che non tutti sanno mettere in pratica con spontaneità.

Puntare al successo

Non è che riuscire a cogliere i dettami dell’e-mail marketing e applicarli con diligenza significhi in automatico ottenere i migliori risultati possibili. È necessario infatti individuare gli accorgimenti più riusciti di altre campagne consimili, capire quali sono i loro punti in comune e riprodurli. Isolare la clientela più idonea o dare un tocco personale ai messaggi che inviate, per esempio, potrebbero rivelarsi delle mosse ideali. A questo punto, entriamo nel dettaglio.

Primo consiglio: definire il “bersaglio”

I destinatari della vostra promozione non sono un “ammasso informe”: sono persone con gusti differenziati, quindi è bene che impariate a conoscerle preventivamente, in modo da rivolgervi a loro oculatamente (evitando quindi i comunicati privi di “anima” e di considerazione per le esigenze e gli interessi di ognuno). Estrapolare le abitudini di acquisto, la collocazione geografica, la predilezione di uno dei vostri servizi rispetto a un altro può divenire molto importante per conseguire il vostro obiettivo. Si creano così dei gruppi caratterizzati; una suddivisione che torna utile anche in occasioni e strategie future.

Secondo consiglio: connotare le e-mail

Aggirare le formalità e chiamare i destinatari per nome vuol dire stabilire un contatto diretto, magari confidenziale con loro, che inizieranno a fidarsi di voi soprattutto se mantenete lo stesso mittente. Insomma, personalizzare le e-mail conduce all’azione più importante da parte dei potenziali clienti: che aprano la vostra comunicazione e, soprattutto, la leggano, possibilmente con la giusta dose di attenzione.

Terzo consiglio: servirsi di un layout semplice

La grafica è un aspetto da tenere d’occhio. Va alleggerita il più possibile, con una cura particolare per l’immediatezza di lettura del testo. È opportuno che non vi lasciate tentare da caratteri appariscenti o evidenziati grossolanamente, da parti superflue o “a effetto”. Il pericolo più concreto è quello di essere cestinati. La sobrietà, invece, di solito è premiata.

Quarto consiglio: essere stringati

Se da un lato viene naturale dilungarsi su un prodotto sul quale si è lavorato molto e della cui bontà si è convinti, non è un entusiasmo consequenzialmente trasmissibile al lettore. È più proficuo affidarsi a frasi piccole e precise, che implicitamente assecondino il poco tempo che di solito si ha a disposizione per leggere la posta. Per scendere nei particolari, ha più senso creare un link all’apposita pagina del sito.

Quinto consiglio: chiamare all’azione

Il call to action è un piccolo “utensile” da aggiungere alla fine del vostro comunicato per invitare il vostro contatto a esprimersi. Una domanda sul tema, la richiesta di un parere, l’ingresso tramite un link oppure, per chi ha più tempo, un mini-sondaggio da compilare o addirittura un acquisto caldeggiato da effettuare. Il coinvolgimento non va sottovalutato.

Sesto consiglio: “spogliare” l’oggetto

Quando si desidera che il destinatario apra un’e-mail, lo si accattiva grazie all’oggetto della stessa. Il quale acquisisce dunque un peso specifico. Inutile sottolineare che la sua essenzialità è imprescindibile. Però l’onestà non va ignorata: a che serve promettere in tale sede “facili guadagni” o “bellezza eterna”? A parte che sono espedienti abusati (che conducono all’eliminazione immediata e forse pure alla via dello spam), ma non credete che fare false promesse sia irritante per chi dovrebbe scegliervi o darvi retta? Fate appello alla vostra serietà e indicate succintamente di che si parla davvero.

Vi siete mai trovati a fare e-mail marketing?

Lascia un Commento

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo alla ricerca di soluzioni per la propria assicurazione auto. Un blog del genere può diventare il punto di riferimento per gli utenti che cercano.

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp