Come programmare un’App per venderla nello store Apple?

Dopo l’articolo che spiegava quanto si può guadagnare programmando un’App, questo post si concentra su quello che bisogna fare per programmare un’App e venderla nello Store Apple.

Innanzitutto è importante specificare che questa tipologia di guadagno è adatta solo a programmatori o ad aziende che hanno programmatori, non è assolutamente adatta, come vogliono far credere, a tutti.

Per creare un’App ottima bisogna prima avere un’idea vincente, poi progettarla bene, in seguito passare al codice e infine testarla.

Con questo approccio si può affrontare il mondo della programmazione delle App.

Vediamo, insomma, come programmare un’App e venderla nello store Apple:

  • Ottima conoscenza dello strumento. Si può diventare un’eccellente ideatore di App solo se si è “realmente” un utilizzatore dell’iPhone. Improvvisarsi non porta al successo.
  • Acquistare lo “start kit”. Per programmare un’App è necessario lavorare nel mondo Apple. Quindi è necessario avere un Mac. Inoltre bisogna scaricare l’iPhone Sdk dal sito della Apple ( basato sull’ambiente di sviluppo Xcode).
  • Conoscenze necessarie. Per programmare un’App è necessario conoscere il linguaggio di programmazione Objective-C, una versione ad oggetti del C. Chi è un buon programmatore C con un piccolo sforzo può affrontare bene questa versione ad oggetti. Il Web comunque è pieno di risorse gratuite dove imparare l’Objact-C.
  • Come sviluppare l’interfaccia. Per sviluppare l’interfaccia su un Mac e testarla su un iPhone simulator è utile passare alla registrazione a pagamento come member ADC ( costo 99 dollari)
  • Attenzione alle limitazioni. Apple, come è ovvio, impone delle limitazioni sulla App vendute, limitazioni sui siti linkati nelle App e limitazioni sull’utilizzo dei dati interni all’iPhone, ecc…. Quindi prima di immettere in vendita l’App, anzi prima di programmarlo,  controllare bene queste limitazioni.
  • Come vendere l’App. Innanzittutto, non copiare App già esistenti, non porta a nessun risultato positivo. Fondamentale è avere una bella idea e soprattutto, dopo averla realizzata, dare all’app un nome accattivante. Poi, una volta sviluppata l’App entrare nell’Apple store e richiedere di poterla vendere, in 15 giorni mediamente si ha risposta. Fondamentale, a questo punto, è quella di utilizzare un’eccellente web marketing per spingere la vendita della propria App. Non siguadagna niente se non si innesca il passaparola. Quindi è fondamentale utilizzare al meglio i siti, i blog e i forum che parlano delle App di Apple.
  • Versioni aggiuntive ed aggiornamenti. Bisogna monitorare costantemente se le App presentate hanno dei Bug. Presentare aggiornamenti è molto ben visto. Ad esempio un’adattamento dell’App per iPad.

Per avere successo, comunque, non bisogna improvvisare. Per poter presentare varie App è necessario tempo, intuizione, eccellente conoscenza del mondo Apple, ottima conoscenza della programmazione e ottime capacità di marketing.

Partire in questo business non è a costo zero. Infatti solo l’hardware e il software necessario costa qualche migliaio di euro, inoltre se non si hanno tutte le capacità acquistarle costa. Quindi per poter guadagnare con la programmazione delle App è necessario, comunque, creare un business plann.

Un Commento a “Come programmare un’App per venderla nello store Apple?”

Lascia un Commento

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo al risparmio, sempre molto ricercato in Italia. Un sito molto autorevole per questo argomento èNoirisparmiamo.com, sul quale è possibile trovare moltissime soluzioni per risparmiare sugli acquisti, su bollette, e su tanti beni e servizi di necessità.

Inoltre, un argomento particolare ma anche molto cercato per chi vuole fare un "affare" è quello delle Aste Giudiziarie. Se vuoi restare aggiornato e trovare tutte le aste giudiziarie d'Italia visita: Aste Giudiziarie

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp