Generazione S. S come Sharing and Social

I sociologi ed i filosofi sono le persone che appiccicano etichette ai movimenti, a parti della società ed interazioni.

Ed allora ecco che sentiamo paroline come Baby-boomer e Non-luoghi (Marc Augè), Democratura (Predrag Matvejevic) e Secolo breve (Eric J. Hobsbawm).

Se i quarantenni sono la Generazione X, era anche il titolo di un programma di Ambra Angiolini, ed i ventenni la Generazione Y, una nuova parolina si sente sempre più spesso per indicare una vasta intersezione dei componenti della X e Y, e non mi riferisco ad un sistema matematico. Togliamo subito il velo e tronchiamo l’ozioso, ancorchè criptico, giro di parole.

I sociologi e massmediology sempre più spesso usano il termine Generazione S per indicare una vasta fetta di popolazione, generalmente compresa tra i 20 ed i 35 anni, con code fino a 15 e 40 anni.

Chi sono e come si comportano gli elementi della Generazione S? 

Se vi dico che S sta per sharing e social capirete immediatamente le caratteristiche della Generazione S. Sono quelli che usano la rete molto bene, e non solo per chiacchierare con gli amici e per acchiappare, ma altresì per trovare quando non inventarsi un lavoro. In tal senso i wwworkers appartengono anche alla Generazione S. Ma il discorso è molto ad ampio respiro, con molte opportunità anche per il marketing ed i consumismo di massa, a patto di riuscire a parlare e ad interagire con una generazione che ha un modo di intendere la comunicazione, la riservatezza e la privacy in un modo molto, ma molto differente.

Una generazione abituata a “condividere” gioie ed  emozioni, a metterle in circolo, attraverso i nodi e i gangli della rete. Emozioni condivise, ma anche conoscenza condivisa; elementi che rischiano di spiazzare i marketer tradizionali che “non capiscono” queste persone.

E se non le capiscono, come possono interagire in modo efficace e persuasivo con questi “entità” molto liquide (eccola qui un’altra parola chiave dei tempi con copyright Zygmunt Bauman), sfuggenti, pronte a lasciare per qualcosa di più cool, straordinariamente versate ed abituate a condividere giudizi positivi o negativi su un prodotto.

Lascia un Commento

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo alla ricerca di soluzioni per la propria assicurazione auto. Un blog del genere può diventare il punto di riferimento per gli utenti che cercano.

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp