Internet e le mamme 2.0

Cos’hanno in comune alcune pubbliche scuse della Johnson&Johnson relative al mal di schiena indotto dal marsupio e il ritiro di un’applicazione iPhone chiamata “baby shaker”?
mamma20Il fatto è che in entrambi i casi le multinazionali hanno dovuto fronteggiare, e sono indietreggiate, davanti ad una marea sempre più grande: le mamme.
Sono le mamme le nuove protagoniste della rete. Mamme impegnate e coscienziose che sempre più si fidano delle opinioni dei consigli di altre mamme riguardo a prodotti e cure, e sempre meno sono irretite dalla tradizionale pubblicità. Davanti ad una mamma che vuole solo la salute e il benessere per il figlio non c’è pubblicità che possa ingannarla.�
In questo sono aiutate dalle moderne tecnologie che permettono interazioni un tempo impensate. Spuntano come funghi siti e social fatti su misura per le mamme. mammacheclub.com è un sito emergente, ma c’è anche fattoremamma.com, iomamma.org , mamme online.it, ci sono gruppi su Facebook e su LinkedIn. Il sito alfemminile.com è uno dei punti di riferimento dell’universo femminile, nel loro forum si parla di pannolini e tradimenti, di sesso e pappine, di medici e calciatori, le risposte alle domande arrivano copiose e precise.
Dal momento che, nella quasi totalità dei casi, sono le mamme ad occuparsi della spesa e dell’economia domestica, è a loro che sempre più spesso pubblicitari ed esperti di marketing, ivi compresi i guru del web marketing, strizzano l’occhio; le mamme 2.0 vengono corteggiate dalle imprese che ne hanno intuito il potenziale. Negli States hanno coniato, e loro sono maestri in questo, un nuovo termine: mavens. Mavens sta per mamme che fanno tendenza. In tal senso può essere emblematico il caso della Barilla.
Barilla, con l’iniziativa ilmulinochevorrei.it ha invitato le mamme a partecipare allo sviluppo di prodotti e packaging. Le idee più votate saranno realizzate coinvolgendo in tal modo, sin dall’inizio, le mamme nel processo e nel successo di un prodotto. La già citata fattoremamma.com è una società di servizi e comunicazione fondata da due mamme, Cecilia Spanu e Jolanda Restano, che collabora attivamente con diversi marchi e brand con il fine di creare programmi di marketing capaci di far interagire a livello emozionale mamme e brand.
Quando Kevin Roberts parla di brand che diventano Lovemarks intende questo?
Di certo tanto il commercio tradizionale quanto il business online dovranno imparare ad interagire con una nuova figura dominante: la mamma 2.0.

3 Commenti a “Internet e le mamme 2.0”

Lascia un Commento

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo alla ricerca di soluzioni per la propria assicurazione auto. Un blog del genere può diventare il punto di riferimento per gli utenti che cercano.

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp