Come si apre un negozio alla spina?

Dopo il post sulla convenienza dei negozi alla spina, in questo post voglio far luce sulle informazioni di base per aprire un negozio che venda prodotti sfusi. Tra le soluzioni analizzaremo sia quella dove il commerciante si procura i prodotti e li vende sia la soluzione del franchising che fornisce i prodotti e da in comodato d’uso i contenitori per la vendita.

Per aprire un negozio del genere bisogna prima capire che tipologia di prodotti vendere, se creare un negozio generalista, cioè dove è possibile vendere sia gli alimentari che i detersivi o specializzato, ad esempio solo la vendita del vino.

Anche la grandezza del negozio va valutata attentamente. Infatti, spesso il costo dell’affitto dipende dalla metratura. Comunque per queosto tipo di attività bastano anche soli 30/40 mtq per vendere i detersivi. Per la vendita del vino, oli e liquori, invece, è necessario anche 70/80 mtq, perchè l’esposizione è fondamentale.

Che ricarichi si possono fare sulla merce?

Per la pasta e il riso il ricarico è circa del 20/30%, mentre per i detersivi si aggira quasi sul 50%, molto interessante i ricarichi sul vino che arriva anche all80% fino a quello sugli oli e aceti che può arrivare al 150%. L’utile netto per un’attività ben avviata potrebbe essere intorno al 35% dei ricavi.

Quali sono gli obblighi burocratici?

1) Gli esercizi di vicinato devono:
 – Comunicare al comune l’avvio di attività
 – Apertura di partita IVA
 – Iscrizione al registro Imprese in Camera di Commercio
 – Iscrizione INPS e INAIL
 – Agibilità Locali
 – Valutazione del richio 626/1994
 – Comunicazione al comune degli orari di apertura e chiusura
 – Autorizzazione per insegne
 – versamento della tassa igiene ambietale

2) Per vendere generi alimentari:
 –  Comunicare al comune l’avvio di attività settore alimentare (DIA)
 – Iscrizione al REC
 – Igiene degli alimenti (HCCP)
 – Tessera sanitaria per le regioni che la richiedono

3)Per la vendita delgi alcolici:
 – Obbilgatoria la liceza fiscale dell’UTIF

Nel caso si apra in franchising, cosa che per un settore del genere potrebbe convenire molto, bisogna analizzare bene le offerte nei portali che trattano di annunci di franchising.

Per aprire un negozio in franchising comunque io consiglio sempre di rivolgersi a qualche esperto del settore perchè non tutte le offerte che vengono fatte dai franchisor sono convenienti e soprattutto bisogna valutare in maniera obiettiva e con competenza i contratti di affiliazione.ù

I vantaggi di aprire un’attività in franchising per i prodotti sfusi sono 2:
1) I prodotti vengono forniti dal franchisor e quiandi non bisogna intrettenere rapporti con troppi fornitori
2) Sia l’allestimento che l’avvio dell’attività viene fatto con la consulenza di un’azienda che lo ha già fatto varie volte, così da ottimizzare l’investimentpo iniziale, e minimizzare il rischio di chiusura.

Lascia un Commento

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo al risparmio, sempre molto ricercato in Italia. Un sito molto autorevole per questo argomento èNoirisparmiamo.com, sul quale è possibile trovare moltissime soluzioni per risparmiare sugli acquisti, su bollette, e su tanti beni e servizi di necessità.

Inoltre, un argomento particolare ma anche molto cercato per chi vuole fare un "affare" è quello delle Aste Giudiziarie. Se vuoi restare aggiornato e trovare tutte le aste giudiziarie d'Italia visita: Aste Giudiziarie

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp