Personal Branding e Reputation Web? Non solo Klout.

Un po’ di tempo fa avevo parlato di Klout, e di come negli Usa sia uno strumento tenuto in una qualche considerazione dai cacciatori di teste, dagli scalper per imprese e multinazionali.

Ma così come non c’è solo Facebook come social, parimenti non c’è solo Klout come misuratore del personal branding o della reputation web.

Qualche impresa italiana comincia a dare una occhiata a questi strumenti, l’obiettivo sarebbe quello di poter contare su queste persone, ritenute autorevoli e influenti per qualche settore, come veicola tori di un prodotto, una idea, un servizio.

Persone che riescono a far emergere la loro voce nel mare magnum delle informazioni; persone che, of course, hanno un notevole seguito di seguaci, amici, etc.

Gli strumenti più conosciuti e usati per misurare reputation web e personal branding sono Klout, Kred e Peerindex. Ma non sono i soli. Ci sono altri software e altri programmi che rimandano e riportano a qualcosa del genere.
C’è

Followerwonk: un programma gratuito che ti aiuta a cercare su Twitter gli argomenti, e mostra l’attività degli utenti in rete (come il numero di retweet e menzioni, per verificare il livello di engagement).

SocialBro: strumento che misura la nostra influenza e che ha una opzione molto carina, che ci indica il momento giusto per twittare a seconda dell’argomento che pubblichiamo o a seconda degli argomenti che più ci stanno a cuore

TweetLevel: ci classifica come: spettatore, commentatore, curatore, starter e diffusore. Va da sé che arrivare al livello diffusore significa essere eccome influente.

WeFollow: è stato sviluppato da Kevin Rose, fondatore di Digg, che ha avuto la geniale idea di suddividere i vari account Twitter in categorie per mostrare agli utenti quali sono i profili più popolari da seguire in base all’argomento.

Ci sono poi strumenti più classici, diciamo così.
Le Recommendation e gli Endorsement di LinkedIn, arrivando da professionisti, un certo peso ce l’avranno o no?

Lascia un Commento

Web Marketing e casi di successo

Il web marketing per i professionisti è diventato fondamentale. Ecco un esempio di successo: il VinciConLaMente online.

Un altro esempio di web marketing particolarmente interessante è relativo alla ricerca di soluzioni per la propria assicurazione auto. Un blog del genere può diventare il punto di riferimento per gli utenti che cercano.

Infine come ultimo esempio di web marketing sui siti, è utile segnalare l'esempio di una moda tutta giovanile. Quella della ricerca di frasi e aforismi particolari da utilizzare negli sms, nelle chat, nelle email e su watsapp